Il tecnico del Picchio Sottil
Il tecnico del Picchio Sottil
Stavolta Sottil non vuole sbagliare. L’Ascoli ha metabolizzato il ko incassato in casa sabato scorso contro il Benevento (0-2). La reazione si è vista ad Alessandria (1-3) dove i bianconeri sono subito tornati alla vittoria. Adesso però il Del Duca si prepara ad ospitare il Brescia, un’altra corazzata del campionato cadetto. "Siamo alla terza partita in otto giorni – ha commentato il tecnico del Picchio alla vigilia del match odierno - dopo aver affrontato nei giorni scorsi due gare molto impegnative a livello fisico e mentale. Devo essere bravo...

Stavolta Sottil non vuole sbagliare. L’Ascoli ha metabolizzato il ko incassato in casa sabato scorso contro il Benevento (0-2). La reazione si è vista ad Alessandria (1-3) dove i bianconeri sono subito tornati alla vittoria. Adesso però il Del Duca si prepara ad ospitare il Brescia, un’altra corazzata del campionato cadetto. "Siamo alla terza partita in otto giorni – ha commentato il tecnico del Picchio alla vigilia del match odierno - dopo aver affrontato nei giorni scorsi due gare molto impegnative a livello fisico e mentale. Devo essere bravo a gestire bene le forze della squadra però ho la fortuna di avere una rosa ampia e molto competitiva, come ho sempre detto. Ci sono tutti ragazzi che sono pronti a dare il loro contributo. La squadra sta bene, arriviamo da un grande risultato contro un avversario che, seppur in difficoltà, era forte. Siamo pronti a giocarci questa partita. Il Brescia è una squadra di grandissima qualità. Lo dice il loro ruolino di marcia. Hanno qualità sia nei giocatori sia nell’allenatore che ha già vinto dei campionati. Arriva una squadra importante e in forma. Sono dotati lì davanti anche di elementi capaci di andare a rete. C’è grande rispetto per tutti, figuriamoci se non farlo con un club come il Brescia, ma giocheremo in casa e vogliamo riprendere a far bene davanti ai nostri tifosi. Vogliamo sfoderare una prestazione di livello e continuare a fare risultati positivi. Siamo due squadre che hanno fatto entrambe un bel percorso. Ci teniamo a migliorarci. Avremo un test che potrà dirci a che livello siamo. Inoltre ci teniamo a chiudere questo trittico di gare nel migliore dei modi. Ci teniamo a far bene e dare una bella soddisfazione a noi e ai nostri tifosi. Non facciamo programmi o tabelle. Ragioniamo una partita alla volta per concentrarci principalmente alla prossima gara. Come preparazione e scelta degli uomini. Credo che questo sia il miglior modo di affrontare le partite ravvicinate". Le defezioni dell’ultimo momento non preoccupano il tecnico del Picchio che ha già in mente quali accorgimenti adottare per colmare le assenze di Saric e Avlonitis. Il centrocampista dopo aver ricevuto un colpo alla caviglia nel corso del match perso in casa contro i campani sarà costretto a saltare anche la sfida col Brescia. Inatteso invece il forfait del difensore greco che probabilmente sarà sostituito da Quaranta. Il 24enne è in vantaggio sui compagni di reparto per scendere in campo dal primo minuto. "Purtroppo Avlonitis ha uno stato febbrile dovuto forse per la grande fatica – ha spiegato -, mentre Saric non è ancora riuscito a smaltire la distorsione. Ha subito un botta forte e ha ancora un grosso ematoma. Abbiamo cercato di recuperare in questi due allenamenti ma non parteciperà".

Massimiliano Mariotti