Quotidiano Nazionale logo
8 apr 2022

Dionisi e Falasco "Pensiamo alla Reggina"

La sconfitta di Monza è già in archivio, c’è l’occasione per rifarsi

Federico Dionisi
Federico Dionisi
Federico Dionisi

Delusione e amarezza in casa Ascoli per una gara che si poteva giocare mostrando maggior attenzione. All’U-Power Stadium tutta questa grande differenza con il Monza non si è vista nel corso dell’incontro. A fare la differenza però sono stati i cali di concentrazione in alcuni momenti chiave dell’incontro e la mancanza di cattiveria sotto porta. "La mia condizione non era ottimale – ha commentato l’attaccante Federico Dionisi nel dopo gara -, sono stato costretto a stare a casa una settimana a causa del covid. Sono rientrato soltanto lunedì e con due giorni di allenamento ho cercato di fare il massimo. Le gambe non erano al top. Speriamo di metterci al meglio per una partita importante come quella di domenica. Abbiamo interpretato bene la partita poi il calcio è fatto di episodi. Noi non siamo stati bravi a sfruttarli. Loro invece tra il calcio di punizione e il rigore sono riusciti ad indirizzare la gara. Poi ci sono stati il doppio giallo che è mancato a fine primo tempo e altri due episodi dubbi a nostro favore nella ripresa. Il calcio è così. Merito al Monza che ha saputo portare gli episodi a loro vantaggio. Non ci dobbiamo abbattere, ci è mancato il guizzo per trovare il gol. Non dobbiamo abbatterci, ma guardiamo avanti. Siamo contenti di ciò che stiamo facendo. Siamo venuti a Monza per giocarci la partita. Dovremo mettere più rabbia per cercare di vincere la prossima. Dobbiamo pensare partita dopo partita. La serie B è come reagisci alle sconfitte. Sappiamo che la Reggina è una buona squadra e ci metterà in difficoltà. Non facciamo tabelle, guardiamo dove vogliamo arrivare. Dobbiamo fare il massimo per ottenere il massimo". A spianare la strada ai brianzoli verso il successo è stato quel maldestro intervento di Botteghin su Ciurria. Un rigore decisamente regalato che poi ha messo decisamente in salita la possibilità di riaprire i conti. "Il rigore era netto – ha sostenuto Nicola Falasco -. Quella palla ho cercato di buttarla via di testa lateralmente, poi è stato bravo Ciurria ad anticipare Botteghin. Avevamo preparato così questa partita. Loro sono venuti a prenderci alto e abbiamo cercato di giocarla facendo anche delle buone azioni. C’è rabbia e rammarico per questi due gol subiti e per aver mancato la possibilità di segnare. Avremmo potuto farlo prima di loro e poi sarebbe stata un’altra partita. Complimenti ai nostri tifosi perché non ci fanno mai mancare il loro entusiasmo in tutta Italia".

mas.mar.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?