Quotidiano Nazionale logo
3 mar 2022

L’Ascoli sfiora un’altra clamorosa rimonta

Dopo aver ribaltato il Crotone, a Lecce il Picchio va sotto di due gol ma poi mette alle corde la capolista e fallisce a più riprese il pari

Tentativo di Tsadjout in area leccese
Tentativo di Tsadjout in area leccese
Tentativo di Tsadjout in area leccese

3 ASCOLI 1 (4-3-3): Gabriel; Gendrey, Calabresi, Tuia (36’ st Simic), Barreca; Helgason (36’ st Bjorkengren), Hjulmand, Gargiulo; Ragusa (17’ st Listkowski (45’ st Blin)), Coda, Rodriguez (16’ st Strefezza). A disposizione: Bleve, Vera, Gallo, Majer, Asencio. All. Baroni. ASCOLI (4-2-3-1): Leali; Salvi (18’ st Baschirotto), Botteghin, Bellusci, D’Orazio; Saric, Buchel; Paganini (17’ st Dionisi), Maistro (25’ st Caligara), Bidaoui (18’ st Ricci); Tsadjout (22’ st Iliev). A disposizione: Guarna, Tavcar, Quaranta, Collocolo, Eramo, De Paoli, Falasco. All. Sottil. Arbitro: Palermo di Palermo. Marcatori: 24’ pt Rodriguez, 11’ st e 50’ st rig. Coda, 25’ st Ricci. Note: 5.359 spettatori per un incasso complessivo di 55.276 euro; ammoniti Helgason, Tuia per il Lecce, Bellusci, Salvi per l’Ascoli; corner 4-4; recupero 1’ pt, 5’ st. L’Ascoli esce dal Via del Mare sconfitto ma a testa alta dopo aver sfiorato un’altra rimonta. A Lecce i bianconeri perdono 3-1 ma provano a giocarsela ad armi pari con la capolista. Il confronto andato in scena è stato avvincente e ricco di colpi di scena. Niente turnover né da una parte né dall’altra. Se è vero che il Lecce aveva intenzione di riconquistare il gradino più alto della classifica, lo era anche la determinazione dell’Ascoli di difendere il proprio piazzamento playoff. Negli schieramenti iniziali Sottil prova a lanciare l’inedito 4-2-3-1. A destra riecco Salvi. Mediana sorretta dalla coppia composta da Saric e Buchel. Nel reparto d’attacco Tsadjout può contare sul sostegno dell’ex Paganini, Maistro e Bidaoui. A questa nuova veste Baroni ha risposto con il consueto 4-3-3 orfano del proprio capitano Lucioni. Lì è stato Calabresi a rimpiazzarlo. Niente tatticismi. Al fischio d’avvio di Abisso è competizione allo stato puro. Il modo migliore per onorare la memoria di Mimmo Renna, protagonista sia in giallorosso che in bianconero con l’Ascoli dei record (197778), nel giorno di quello che ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?