Porte girevole alla "casetta rossa" di Viale Trento. Fermana attivissima sul mercato e per un Bacio Terracino che se ne va, ecco pronta la conferma di Marco Manetta a irrobustire la linea difensiva voluta da mister Antonioli. Pronto a lasciare anche Walter Guerra che le voci dei soliti bene informati danno sempre più vicino al Picerno, non si sa se ancora in prestito o in modo definitivo, perché proprio con il Picerno ha fatto molto bene. Torniamo però al ritorno di Manetta: firma che era nell’aria da qualche tempo, ufficializzata ieri dalla società, attraverso il seguente comunicato: "La Fermana comunica di...

Porte girevole alla "casetta rossa" di Viale Trento. Fermana attivissima sul mercato e per un Bacio Terracino che se ne va, ecco pronta la conferma di Marco Manetta a irrobustire la linea difensiva voluta da mister Antonioli. Pronto a lasciare anche Walter Guerra che le voci dei soliti bene informati danno sempre più vicino al Picerno, non si sa se ancora in prestito o in modo definitivo, perché proprio con il Picerno ha fatto molto bene. Torniamo però al ritorno di Manetta: firma che era nell’aria da qualche tempo, ufficializzata ieri dalla società, attraverso il seguente comunicato: "La Fermana comunica di aver raggiunto l’accordo anche per la stagione 2020-2021 con il difensore Marco Manetta. Una conferma voluta dalla società canarina dopo l’ottima stagione disputata dallo stesso difensore in quest’annata con 23 presenze totali (di cui 21 da titolare) e un gol pesantissimo realizzato in casa del Padova, ultimo successo stagionale per i gialloblù". Subito dopo la firma, Manetta che evidentemente scalpitava per tornare ha rilasciato la seguente dichiarazione.

"E’ veramente tantissima la voglia di tornare in campo dopo una pausa mai così lunga come questa. Sono molto contento di aver rinnovato con la Fermana - dice Manetta che la scorsa stagione in diverse partite ha giocato fuori ruolo, causa l’infortunio di De Pascalis, facendo in ogni caso molto bene anche l’esterno della difesa a tre - una società seria che è da anni una garanzia in Serie C, con risultati sempre soddisfacenti ottenuti con grande programmazione e unità d’intenti. Per me è un piacere e un onore fare ancora parte di questo progetto. Puntiamo come sempre a fare bene e lo spirito deve essere sempre quello di migliorarci con le nostre armi: dobbiamo avere grande fame, umiltà e voglia di dare il massimo in campo in ogni momento anche per i tifosi che non ci hanno mai lasciato soli. Abbiamo un’ottima base da cui partire con la conferma del mister e dello zoccolo duro che nella parte finale della scorsa stagione – finisce il roccioso difensore centrale - avevamo collezionato una striscia positiva importantissima". Con un Manetta in più sulla linea dei difensori, adesso la Fermana deve trovare i sostituti di Petrucci e Bacio Terracino sulle fasce perché se è vero che Mordini può all’occorrenza ricoprire il ruolo di Bacio Terracino sulla sinistra, a destra fatta eccezione per Iotti (voci di mercato lo danno in partenza, qualcuno ha anche azzardato verso Ascoli) la Fermana ha assolutament4 necessità di un esterno che sappia saltare l’uomo e creare la superiorità numerica.

Poi senza nulla togliere a Cognigni e Maistrello (sette gol in due la passata stagione) i tifosi chiedono una punta da doppia cifra; un terminale offensivo che sappia riempire l’area di rigore. Di tempo a disposizione la Fermana ne ha a sufficienza, perché con le liste a 22 e la chiusura del mercato al 5 ottobre, di giocatori a disposizione ce ne saranno a iosa. L’importante è saper cogliere l’occasione giusta e su questo, fino a prova contraria, Conti e Andreatini hanno sempre dimostrato di essere sul pezzo.

Mauro Nucci