Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Fenati, follia a 250 chilometri orari a Misano. La madre: "Minacce di morte"

Affianca Manzi e gli tira il freno durante il Gran Premio di San Marino valido per il mondiale di Moto2: caos. Sabrina: "Ha sbagliato, ma..."

AGGIORNAMENTO Fenati scaricato dal suo team. Le scuse del pilota

di MATTEO PORFIRI
Ultimo aggiornamento il 10 settembre 2018 alle 17:48
L’ATTIMO CLOU Romano Fenati si avvicina alla moto di Stefano Manzi e afferra il freno

Ascoli, 10 settembre 2018 - Una follia. Non può essere definito in altro modo l’assurdo gesto commesso ieri dal pilota ascolano Romano Fenati, durante il Gran Premio di San Marino, sul circuito di Misano, valido per il mondiale di Moto2. Le immagini hanno fatto (e continueranno a fare) il giro del mondo: mancavano solamente tre giri alla fine e il 22enne si è affiancato a Stefano Manzi (FOTO), pilota con il quale c’erano state già delle scaramucce durante la gara, afferrandogli il freno della moto mentre i due erano lanciati a circa 250 chilometri orari.

Guarda il video qui sotto:

Fortunatamente, Manzi è riuscito a tenere in piedi la moto e a non cadere, altrimenti le conseguenze potevano essere gravissime per il pilota, visto che poco dietro stavano arrivando anche altre moto. Subito, a Fenati, è stata sventolata la bandiera nera da parte della direzione di gara, con il suo Gran Premio che è stato ovviamente considerato nullo. Sono seguiti attimi di apprensione e, dopo un paio d’ore, all’ascolano sono state comminate due gare di sospensione. E il suo team, oggi, ha deciso di licenziarlo.

Il suo gesto non è potuto passare inosservato ed è iniziata la valanga di contestazioni nei suoi confronti da ogni dove, Ascoli compresa. La città si è spaccata tra coloro che lo hanno fortemente contestato, soprattutto sui social (moltissimi) e quelli che, pur condannando il gesto, hanno comunque chiesto di perdonarlo e continuarlo a sostenere.

LEGGI ANCHE Manzi: "Avrebbe potuto ammazzarmi"

A difendere il pilota, a poche ore dalla vicenda, è stata la mamma Sabrina Fenati. «Manzi ha provato più volte a buttarlo giù e questa cosa mi è dispiaciuta molto, visto che i due ragazzi saranno compagni di squadra nella prossima stagione – ha commentato la madre di Romano, che lo segue sempre in ogni gara del mondiale –. Mio figlio è stato provocato, ma poi devo ammettere che il suo gesto è stato sbagliato. Probabilmente, aveva in corpo tanta adrenalina e tutti conosciamo il suo caratterino. E’ caduto nelle provocazioni. Ciò che mi rattrista è il fatto che ci siano arrivate delle minacce di morte. Anzi, qualcuno ha scritto addirittura delle offese alla sua ragazza. Tanti ascolani hanno attaccato Romano e, nella maggior parte dei casi, si tratta di persone che generalmente si comportano peggio di lui. Chi critica questo ragazzo non sa che alle sue spalle c’è una famiglia e che lui è molto buono».

Anche alcuni piloti della Motogp, in serata, hanno criticato il comportamento di Fenati. «Non deve più salire su una moto – ha detto, ad esempio, Cal Crutchlow –. Il suo team avrebbe dovuto cacciarlo a calci». Duro anche il commento di Valentino Rossi, che fino a due anni fa lo aveva avuto nel suo team. «E’ stato un brutto gesto – ha detto il ‘dottore’ –. In passato abbiamo puntato molto su di lui ma non siamo riusciti a gestirlo ed è stata una sconfitta». 

WIKIPEDIA -  Ieri qualcuno ha modificato la pagina Wikipedia di Fenati mettendo come descrizione: pilota e criminale. In serata è stata corretta.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.