Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Una foto dall’archivio: Romano Fenati sorridente, dietro di lui la madre Sabrina

Ascoli, 11 settembre 2018 - Mamme contro. Inevitabilmente. Il gesto di Romano Fenati (FOTO)  a Misano (la mano sul freno della moto dell'avversario Manzi a oltre 200 all'ora),  portato al duello, indiretto e a distanza, anche tra i suoi familiari e quelli di Stefano Manzi.

L'INTERVISTA / "Non volevo fare male a Manzi, era solo un avvertimento"

Ad attaccare, ovviamente, è stata la madre di quest’ultimo, Loren Andreoli. «Siamo basiti per il comportamento di Fenati – ha detto –. Per quello che ha fatto in pista e anche dopo: non ha ancora avuto il coraggio di scusarsi con mio figlio. Per fortuna siamo qui a raccontarla, perché Stefano è riusciti a non cadere. Ma in queste ore ho pensato e ripensato che, se non fosse andata così, a quest’ora potevo essere al funerale di mio figlio». 

 

Ed è tornata a parlare anche Sabrina, la madre di Fenati. La sua non è stata una risposta diretta alla mamma di Andreoli, ma indirettamente lo diventa: «Qualcuno ha addirittura detto che quello di Romano è stato un tentato omicidio, ma vorrei precisare che mio figlio è stato sottoposto a un’assurda gogna mediatica, ricevendo tanti insulti sui social – ha dichiarato la madre del pilota -. Anche quello commesso da chi lo ha minacciato di morte, a mio avviso, è un tentato omicidio». In tanti, infatti, da domenica pomeriggio hanno riempito il telefono di Romano e quello della sua fidanzata di insulti e minacce. A quanto pare, anzi, la ragazza di Fenati si sarebbe recata dai carabinieri, ieri, per fare qualche denuncia. Una brutta situazione, dunque, quella che si è venuta a creare.

LEGGI ANCHE La madre di Fenati: "Minacce di morte" - Manzi: "Avrebbe potuto ammazzarmi"

Guarda il video qui sotto:

Amareggiato anche il nonno Romano: «Mio nipote è rientrato ad Ascoli – ha detto all’Ansa – ma non sono ancora riuscito a parlarci; ho provato a telefonargli ma ha il telefono staccato. Lui era stato penalizzato poco prima da Manzi e gli ha toccato il freno per fargli capire che non andava bene quello che aveva fatto. E la leva del freno l’ha solo toccata, non l’ha tirata». 

Le scuse di Fenati

Sempre restando nelle famiglie, ieri un duro attacco al pilota ascolano è arrivato anche dal fratello di Manzi. «Le immagini viste in televisione parlano da sole. Fenati poteva uccidere mio fratello – ha spiegato Alex Manzi, che è anche ex pilota –. E’ stata una cosa gravissima, non ci sono alibi o giustificazioni che tengano. E’ stato giusto il licenziamento da parte del team. Stefano, dopo lo choc iniziale, ha reagito bene. E’ tornato a casa, si sta allenando per il prossimo Gran Premio (il 23 si corre ad Aragon), cerca di non pensare troppo a quanto è accaduto. Sono stato pilota anche io, so cosa può accadere in pista ma quello che è successo a Misano va oltre ogni immaginazione. Fenati non si era ancora scusato con mio fratello – ha concluso Alex Manzi -. Mi auguro lo faccia prima o poi, è il minimo». 

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.