Ascoli, 14 settembre 2018 - Dalle parole ai fatti. La famiglia di Romano Fenati, a pochi giorni dalla sua reazione contro Manzi. durante il Gran Premio di San Marino in Moto2, ha annunciato che sono pronte le denunce. La mamma del pilota, Sabrina, attraverso un post su Facebook ha spiegato che chiederà il risarcimento dei danni per tutti gli insulti che il ragazzo si è preso sui social. Il ricavato di tale azione legale, poi, verrà devoluto alle vittime del cyberbullismo.

LEGGI ANCHE La famiglia Manzi: "Aspettiamo le scuse di Fenati"

FENATI_OBJ_FOTO_33539023

"Da questa tempesta tireremo fuori qualcosa di buono – ha scritto Sabrina Fenati -. Abbiamo formato una grande squadra che volontariamente sta raccogliendo tutto ciò che di violento e minaccioso abbiamo ricevuto. Raccoglieremo tristemente tutto e denunceremo alle autorità competenti tutti coloro che ci hanno ferito e minacciato. Chiederemo il risarcimento dei danni subiti, soprattutto morali oltre che di immagine".

Romano Fenati

Sempre la mamma manager del 22enne, poi, ha rincarato la dose.

LEGGI ANCHE Fenati perdonato da Manzi

ANSA

"Penso che sia arrivato il momento di dire la mia, visto che in questi ultimi giorni le mie parole sono state travisate – ha scritto –. Il gesto di Romano è ingiustificabile e non lo condivido. Come allo stesso modo non condivido la gogna mediatica che è pur sempre violenza, a cui ci state sottoponendo. Romano pagherà per il suo errore e lo farà nelle sedi competenti. I giudici lavorano in tribunale e non sui social".

image

Intanto, oggi il pilota verrà ascoltato dal tribunale federale, a Mies, in Svizzera a seguito del ritiro della licenza per gareggiare avvenuto martedì. "Il presidente della federazione italiana motociclismo ha convocato il pilota nel quartier generale svizzero per spiegare la sua condotta – si legge nel comunicato ufficiale –. In considerazione della natura oltraggiosa e scioccante dell’atto commesso dal signor Fenati, la Fim ha preso il tempo necessario per riflettere serenamente sull’incidente, che ha suscitato forti emozioni in tutto il mondo del motociclismo e non solo. La federazione ha deciso di convocare il pilota per discutere la situazione con lui prima di intraprendere qualsiasi azione".