La gioia di Fenati
La gioia di Fenati

Ascoli, 11 agosto 2019 - Viaggio all’inferno e ritorno. Esattamente undici mesi dopo quel ‘terribile’ 9 settembre del 2018, quando tirò il freno di Manzi, al Gran Premio di San Marino, rischiando seriamente di compromettere per sempre la sua carriera, Romano Fenati è tornato sul gradino più alto del podio. E, diciamoci pure la verità, chi ci avrebbe mai scommesso? Il pilota ascolano, in Moto3, torna a vincere sul tracciato austriaco del Red Bull Ring, al termine di una gara dominata dall’inizio alla fine. Una grande soddisfazione, dunque, per il ragazzo che un anno fa non aveva neanche più la licenza per correre, dopo il fattaccio di Misano.

Quanta acqua è passata sotto ai ponti nel giro di un solo anno. Prima la squalifica, poi la separazione con il team Snipers, successivamente i guai dovuti alla lite con gli agenti della polizia in autostrada, quando procedeva a velocità troppo sostenute e venne fermato mentre andava all’ospedale di Ancona a trovare il nonno. E, ancora, la sospensione della licenza, il ritorno a sorpresa con il team Snipers e la ‘retrocessione’ dalla Moto2 alla Moto3. Poi le dieci gare di questa stagione senza conquistare nemmeno un podio e le tante critiche ricevute in merito alle sue prestazioni.

Adesso, però, dalla missione austriaca Fenny è tornato vincitore ma non deve più fermarsi se vuol far tornare la gente a innamorarsi di lui. E soprattutto non deve più commettere quegli errori (chiamiamoli pure di gioventù) che stavano per decretarne la fine della carriera. “E’ stata una grande gara – ha spiegato ieri Fenati ai microfoni di Sky Sport -. Sono felicissimo per questa vittoria e la dedico a tutti coloro che mi sono stati vicini. Oggi è una bella giornata per me e mi godo questa vittoria”.

La vittoria, per l’ascolano, mancava addirittura dal 15 ottobre del 2017, quasi due anni fa, quando trionfò a Motegi, nel Gran Premio di Giappone. Questo, per Fenati, è l’ottavo mondiale e quella conquistata ieri è stata la sua undicesima vittoria in assoluto. Partito in pole position, il pilota piceno ha staccato tutti gli avversari sin dalle prime curve, ottenendo appunto un successo ampiamente meritato che, chissà, potrebbe anche segnare l’inizio di una nuova carriera. Per saperlo basta aspettare due settimane, perché nel weekend del 25 agosto si tornerà di nuovo in pista, stavolta in Gran Bretagna, sul tracciato di Silverstone, dove Fenati non ha mai avuto. Ma c’è sempre una prima volta. Staremo a vedere.