Bologna, 4 settembre 2018 - Cicciolina, la ex ‘sexy deputata,’ si arrabbia perché le hanno decurtato il vitalizio. E poi glielo hanno anche pignorato per debiti. Si lamenta pure perché non la chiamano ai reality vari nonostante sia la prima sexy star arrivata in Italia. Con i suoi 67 anni, non si rende conto che le nuove leve incalzano e che lei non è più così attraente come un tempo. Tutti dobbiamo rassegnarci.
Umberto Antolini, Bologna

Risponde il condirettore de il Resto del Carlino, Beppe Boni

Ilona Staller, in arte Cicciolina, è un’artista e come tale si comporta. L’Italia è molto preoccupata perchè la reazione dell’ex pornostar è stata violenta: «Senza vitalizio me ne torno in Ungheria». L’interprete di Banane al cioccolato in luglio è stata anche protagonista di uno show urlato al telefono proprio davanti a Montecitorio. Come faremo? Anche in questo caso l’Europa tace. Vuol dire che il problema è serio. Ad aggravare la situazione c’è anche il fatto che nessun produttore invita più Ilona Staller inn televisione. E d’altra parte a 67 anni Cicciolina può anche pensare di riposarsi. Si parla pure di un suo ingaggio futuro a Ballando con le stelle, ma per ora non c’è certezza. In Italia non possiamo privarci di un’artista del suo calibro. Chissà se la Lega chiederà all’amico Viktor Orban, primo ministro ungherese, di chiudere le frontiere per evitare che Cicciolina emigri. 
beppe.boni@ilcarlino.net