Il grande Wrestling all'Unipol Arena
Il grande Wrestling all'Unipol Arena

Bologna, 8 novembre 2018 – Teatri che si affollano di nuovo dopo la chiusura estiva, decine di locali in fermento, mostre da non perdere e rassegne nuove di zecca. Il weekend in arrivo sarà, ancora una volta, ricco di spunti curiosi, per la gioia, fra gli altri, persino degli amanti del wrestling.

Venerdì 9, infatti, cominciamo proprio da uno dei passatempi preferiti d'Oltreoceano, in bilico fra lotta libera e spettacolo e pronto a riempire in serata, nella prima tappa del tour italiano del circuito, gli spalti dell'Unipol Arena. Riflettori accesi, ma senza sedie che volano, anche all'Arena del Sole, per la rappresentazione del “Ritratto di donna araba che guarda il mare” firmato da Davide Carnevali, e al 'Laura Betti' di Casalecchio, per la pièce iraniana dal titolo “White rabbit red rabbit”, mentre in Cineteca sarà il giorno del documentario di Luca Magi “Storie del dormiveglia”, frutto del lavoro del regista in un centro di accoglienza per senzatetto. Inaugurerà invece alle 19, alla Fondazione Carlo Gajani, la mostra fotografica “A tour not so grand”, di Massimo Baldini, mentre alle Serre dei Giardini prenderà il via la tre giorni del workshop “A walking cycle”, con il poliedrico cineasta berlinese Volker Schlecht a fare la parte del protagonista. Nello spazio del Movimento Identità Trans di via Polese, poi, largo ai dibattiti della kermesse “Transitional States”, in un venerdì in cui l'Atelier Sì, dal canto suo, chiuderà l'esperienza del suo “Archivio anno zero” con una serata di divertimento dedicata all'incontro tra pubblico e artisti. Dopo tutto questo, ovviamente, arriverà anche l'ora della musica dal vivo, a partire da un Mercato Sonato in attesa del noto rapper capitolino Piotta e da un Covo Club che accoglierà i bolognesi Aabu, in un concerto aperto, per l'occasione, da Bombay. All'Estragon, ancora, sarà il turno dell'ormai famosissima trap, con uno dei campioni nostrani del genere, Vegas Jones, a presentare il suo ultimo album nella stessa notte in cui, al Tpo, si prenderanno la consolle Dj Gruff e Gianluca Petrella. L'Ensemble Economique, dal canto suo, suonerà al Freakout Club, prima che al Raum esplodano le performance del progetto “Sigourney Weaver: Willy Willy” e che al Kindergarten faccia ritorno il party “Werkstatt”. Volume al massimo, infine, anche al Locomotiv Club e all'ex Forno del Pane, per l'elettronica dello “Express Festival” e per un “L'archivio presenta” dedicato all'etichetta Bosconi Extra Virgin, ma gli ultimi colpi del venerdì li spareranno il “Nightdrive” del Granata, condotto Dreamcast, e, da mezzanotte, di nuovo il Freakout Club, in versione “Mint Sound Escape”.

 

Il primo appuntamento di sabato 10 sarà, nel primo giorno di un ciclo di celebrazioni che si spingerà fino a domenica 18, quello con la festa per il primo compleanno di Fico-Eataly World, che porterà in dote nel pomeriggio, oltre alla conferenza mattutina “Cosa mangia tuo figlio a scuola?” condotta dal food mentor Marco Bianchi, la presentazione del libro “A pranzo con me” di Benedetta Parodi. Un secolo di storia americana, invece, sarà al centro, al Mast, dell'esposizione fotografica “Losta and found in America”, illustrata da Rick Prelinger, mentre le escursioni promosse dall'associazione Vitruvio spazieranno fra i Bagni di Mario, il canonico trekking fra le colline di Monteveglio e, in serata, i tour “Lucio e Ombre” e, novità del mese, “L'orto del diavolo”. Tra la replica dell'Arena del Sole e un Volker Schlecht che continuerà a imperversare alle Serre dei Giardini, poi, la sorpresa teatrale di giornata verrà dallo spettacolo “Acapulco” del Teatro delle Moline, diretto e interpretato dal duo formato da Mele Ferrarini e Mila Vanzini. In un sabato segnato, sul versante artistico, dal “Forum dell'arte contemporanea italiana” che si insedierà al MAMbo, però, non verranno certo meno le proposte musicali, dal live, al Covo Club, dei canadesi Ought a un secondo capitolo di “Express Festival” nelle mani dei Calibro 35. Ancora rap, all'Estragon, per il “Paradise lost club tour” del romano Gemitaiz, mentre il jazz del Tom Kirkpatrick Quintet scalderà il Binario69 e l'indie-pop degli scandinavi Hater troverà lo sfondo giusto alla Efesto House. Le ultime due esibizioni dal vivo di giornata saranno, al Freakout Club e al Mercato Sonato, quelle di Alos e Lutte e dell'eclettica BandAdriatica, prima che il Kindergarten apra i battenti del suo “Flexin”, che ospiterà Dave Luxe e che all'Atelier Sì sbarchi la canadese Peach. Si farà notte fonda, però, anche alla festa “Whp” del Crash! e, ovviamente, al rullante “International drum&bass meeting” del Link.

Domenica 11, fra un salto al “Flip Market” del Tpo vitale per i patiti dell'usato e le tante repliche teatrali, se il tempo volgerà al sereno l'occasione diventerà buona per la passeggiata “Borghi, calanchi ed echi millenari” di Vituvio, o, in caso contrario, per una delle tante mostre d'arte che nobilitano i musei e le gallerie della città. Dai mattoncini Lego dell'ex Chiesa di San Mattia all'arte giapponese del Museo Civico Archeologico e dalla pop art di Palazzo Albergati alle immagini di Bruce Springsteen della galleria Ono Arte Contemporanea, del resto, ce n'è come sempre per tutti i gusti. Se, poi, alle Serre dei Giardini Margherita chiuderà i battenti “A walking cycle”, scriverà un nuovo capitolo, al Museo internazionale e Biblioteca della musica, la rassegna cinematografica “Voci dall'Aldilà”, incentrata questa volta sulla figura del compositore Misha Mengelberg. Altre tre, infine, sono le scelte per passare la serata, con il garage punk dei Lame tra le braccia del Freakout Club, la festa per i 40 anni, al MAMbo, del gruppo Orea Malià e, al Binario69, il concerto dei Lilith per Eujamm.