Il IX Festival internazionale dell'ocarina fra Budrio e Bologna
Il IX Festival internazionale dell'ocarina fra Budrio e Bologna

Budrio ( bologna), 19 aprile 2017 - Nonostante il periodo difficile, Budrio è già pronta a offrire al mondo il meglio di sé. Il IX Festival Internazionale dell'Ocarina, infatti, dal 27 aprile al 1° maggio, farà risuonare l'intero territorio metropolitano bolognese delle note di uno strumento antico e poco conosciuto, che rappresenta una vera eccellenza budriese.

La manifestazione, a cadenza biennale, quest'anno durerà un giorno in più del solito e conta di attirare musicisti, costruttori e visitatori da luoghi molto lontani, in particolare dall'Estremo Oriente, dove l'ocarina è da sempre molto popolare. Le potenzialità dell'unico strumento musicale il cui nome deriva dal dialetto parlato nelle nostre zone è pronta a tradursi, fra due week-end, in una fioritura di concerti pronti a spaziare dalla musica classica al folk e, novità di questa edizione, dal pop al jazz.

Gli appuntamenti clou nell'area di Budrio, in questo senso, saranno la rassegna “Ocarinando”, venerdì 28, l'inaugurazione del Monumento all'ocarina, sabato 29, e, domenica 30, il pomeriggio di “Ocarina e musica popolare”, in piazza Filopanti, e la rappresentazione serale che si terrà a Villa Ranuzzi Cospi.

A Bologna, invece, le tre iniziative da non perdere saranno l'anteprima del festival, il 26 aprile alle Cantine Bentivoglio in compagnia del quartetto diretto dal musicista giapponese Satoshi Osawa, il Concerto per ocarine e quartetto d'archi del 27, nel foyer del Teatro Comunale, e l'attesa passeggiata musicale “San Luca Ocarina Walk”, nella mattinata di domenica 30.