Cate Blanchett in 'Manifesto'
Cate Blanchett in 'Manifesto'

Bologna, 5 maggio 2017 - Dal 9 al 19 giugno torna a Bologna il grande cinema biografico con Biografilm Festival, il primo evento internazionale interamente dedicato ai racconti di vita.
Al tema della rivoluzione digitale che completa il triennio dedicato alla vita ai tempi di Internet e i cui titoli saranno annunciati nelle prossime settimane, nell’anno di “La La Land” si affiancherà un altro tema guida: la danza, con una selezione di film dedicati, sia di fiction che documentari,che costituiranno una sorta di filone tematico interno alle altre sezioni del festival.

Tra le anteprime del festival si segnalano ad esempio “L’opéra”, diretto da Jean-Stéphane Bron, un ironico dietro le quinte dell’Opéra di Parigi in una delle sue stagioni più complesse, “Relève-Histoire d’une création” sul celebre coreografo de “Il cigno nero” Benjamin Millepied e due opere prime: “Move! Dance your life”, viaggio poetico a passo di danza in giro per il mondo diretto da Fanny Jean-Noël e il film simbolo di questa edizione, ”La danseuse“ di Stéphanie Di Giusto, in cui la poliedrica Soko interpreta Loïe Fuller, la cui celebre “serpentine dance” diede il via alla rivoluzione che porterà alla nascita della danza moderna.

Nel Concorso Internazionale con 10 anteprime anche “Nothingwood” di Sonia Krnoiund, che ci porta a conoscere l’eclettico Salim Shaheen, regista-scrittore-attore-produttore, maestro indiscusso del cinema di serie Z, e la sua eccentrica e travolgente troupe.

Il 2017 segna inoltre la consacrazione definitiva delle sezioni Biografilm Art e Biografilm Music, legate a doppio filo al tema portante della danza: tra le anteprime “Manifesto” di Julian Rosefeldt in cui Cate Blanchett interpreta 13 personaggi diversi e “Rumble: the indians who rocked the world” sul ruolo che i nativi americani hanno avuto nella nascita e nello sviluppo della musica rock americana.

Omaggi e Peter Greenaway e Piera Degli Esposti, una retrospettiva su Sabina Guzzanti e tra le anteprime fiction “L’odysée” di Jérôme Salle sul leggendario Jacques Cousteau e l’Italiano “Après la guerre” con Giuseppe Battiston e Barbora Bobulova di Annarita Zambrano che vedrà a Biografilm la sua seconda proiezione mondiale, subito dopo quella a Cannes. Film di chiusura “The lost city of Z” di James Grey con Sienna Miller e il nuovo Spider-Man Tom Holland che racconta le mirabolanti gesta dell’avventuriero britannico Percy Fawcett.