La presentazione del progetto e del cofanetto all’Opificio Golinelli (Schicchi)
La presentazione del progetto e del cofanetto all’Opificio Golinelli (Schicchi)

Bologna, 25 Maggio 2016 - Cosa c’è di meglio della prima pagina di un giornale per fissare nella memoria i passaggi della Storia? Su questa idea il Resto del Carlino, che nel corso di 130 anni di vita editoriale ha testimoniato guerre, vittorie della scienza, cambiamenti geopolitici e imprese di grandi uomini, ha aperto i suoi archivi in cerca di quei fatti, dei loro racconti e della loro interpretazione. Ne è nata una collezione cartonata di prime pagine (sono più di 130, in tutto), riprodotte fedelmente, in grande formato (20,7 x 42 centimetri) e descritte nel loro retro dalle firme di oggi.

Il pregiato cofanetto, che sarà distribuito nelle migliori librerie dell’Emilia-Romagna e delle Marche al prezzo di 100 euro, sarà presentato oggi alle 18 alla libreria Coop Ambasciatori di via Degli Orefici 19, alla presenza del direttore di QN-il Resto del Carlino, Andrea Cangini, e di Riccardo Brizzi, docente di storia contemporanea all’Alma Mater. Saranno inoltre presenti i curatori dell’opera: Gabriele Canè, Giovanni Morandi e Pierluigi Visci, già direttori di QN-il Resto del Carlino. «Centotrent’anni – ricorda Andrea Cangini nella sua presentazione all’opera –, fanno cinque generazioni. È dunque da cinque generazioni che prima i soli bolognesi, poi gli emiliani, i romagnoli e i marchigiani si informano, dibattono, si arrabbiano e si consolano leggendo il Carlino. Un giornale, certo, ma anche qualcosa di più. Il Resto del Carlino è percepito come un’istituzione, un fratello maggiore che da sempre cerca di comprendere, di avvertire e persino di difendere i propri cittadini-lettori. E si tratta di lettori esigenti, uomini e donne liberi che dal loro giornale pretendono in primo luogo la libertà».

Allì'origine dell’iniziativa c’è un progetto, intitolato ‘La storia attraverso le pagine de il Resto del Carlino’, nato l’anno scorso in occasione delle celebrazioni per il 130esimo compleanno del giornale come supporto didattico per gli studenti delle scuole secondarie di primo grado. Un lavoro che ha suscitato così tanto interesse e curiosità da parte dei lettori del giornale da convincere il Carlino a renderla disponibile a chiunque volesse portarsi a casa un pezzo di storia del giornale e del mondo.

Un'opera di pregio, vista la cura nella selezione degli eventi storici, della cultura, della politica, la scienza e lo spettacolo da ricordare, dal 1885 in poi, e vista la fattura dell’oggetto in sé: 131 pagine, di cui 112 prime pagine, stampate a colori con vernice protettiva trasparente e carta patinata opaca, conservate in un cofanetto a conchiglia, rivestito interamente in carta Fontalin blu con dorso di tela.