Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Bologna, a settembre riapre Palazzo Pallavicini

Appuntamento il 22 con la mostra dedicata al fumettista Milo Manara 

Ultimo aggiornamento il 14 giugno 2017 alle 17:27
La maestosa scalinata di Palazzo Pallavicini, opera di Paolo Canali (Schicchi)

Bologna, 14 giugno 2017 - Dal 22 settembre Bologna avrà un nuovo spazio dedicato alla cultura: riapre Palazzo Pallavicini, in via San Felice 24.

Il palazzo settecentesco è stata la dimora del maresciallo Gian Luca Pallavicini (1697 - 1773), ministro dell'impero asburgico, che lo rese una vera e propria corte europea, tanto da ospitare principi e dignitari e, nel 1770, il concerto dell'allora 14enne Mozart. Nelle sale della residenza si avvicendarono altri e importanti episodi di storia internazionale, che videro passare i protagonisti della politica del tempo: dalla giovane principessa Maria Carolina d’Asburgo, che nel 1768 fu scortata a Napoli dal maresciallo Pallavicini per incontrare Ferdinando di Borbone, suo futuro sposo, al granduca di Toscana Pietro Leopoldo di Lorena, con la moglie Maria Luisa di Borbone Spagna, e l’imperatore d’Austria Giuseppe II nel 1769.

Un palazzo dunque maestoso e di prestigio, dove fra storia e stili epocali, rivivono ancora memorie e personaggi del passato. Tutto ciò, dopo un lungo restauro, torna finalmente a disposizione del pubblico, diventando un vero e proprio contenitore di arte e cultura.

Si inizia già dal 22 settembre con una mostra dedicata al fumettista Milo Manara, che sarà visitabile fino al 21 gennaio 1918.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.