Alice Gruppioni con il marito Christian Casadei
Alice Gruppioni con il marito Christian Casadei

Pianoro (Bologna), 18 gennaio 2019 – Crudele, il destino, cinque anni fa si portava via Alice Gruppioni. Negli occhi di tutti resta il sorriso della 32enne pianorese, che perse la vita sulla famosa Boardwalk di Los Angeles. Non se l'è dimenticata nessuno, neppure tra le fila della Galaverna. La gara podistica, al via il 20 gennaio, quest'anno intitolerà ad Alice il ponte che dagli anni '60 segna la linea di partenza.

“Una targa per non dimenticare – ha detto il sindaco di Pianoro, Gabriele Minghetti -, perché la tradizione della corsa, giunta quest'anno alla 47esima edizione, non vada perduta nel tempo, esattamente come la memoria di Alice Gruppioni”. Competizione che la giovane aveva nel cuore, e che, ancora una volta, segna il legame fra sport e solidarietà. L'intero ricavato infatti verrà devoluto all'associazione Cucciolo, che da 23 anni si prende cura dei bambini nati pretermine e delle loro famiglie. “Il ricordo della nostra Alice è sempre vivo – ha commentato il padre, Valerio Gruppioni -, e l'esempio che stiamo dando è grande: tutti insieme possiamo fare qualcosa di veramente positivo per la comunità, e questo per noi è veramente confortante”.

LEGGI ANCHE  Pianoro, in migliaia alla Galaverna 2018, in nome di Alice Gruppioni / FOTO e VIDEO

Un 'tuffo' nel territorio per grandi e piccini, professionisti e corridori 'della domenica' pensato e organizzato dal Gruppo podistico proloco Avis Pianoro Mg2. Sono quattro i percorsi che si snodano fra strade asfaltate e cavedagne, da 3,5 chilometri, da 10, da 16 e da 20; tutti con partenza, arrivo e punti di ristoro in comune. Partenza quindi alle 9 di domenica dal ponte che verrà intitolato ad Alice, poi giù attraverso i vigneti di Podere Riosto fino a Pianoro Vecchio, dove i partecipanti potranno sostare al punto di ristoro di Villa Giulia. Da lì il percorso più lungo proseguirà fino a Guzzano, per poi ricongiungersi con gli altri sulla Fondovalle Savena, e al traguardo nel parco del Ginepreto. L'obiettivo di Massimo Polga, presidente del gruppo podistico, “è quello di superare i 5000 iscritti, già da sabato sarà possibile ritirare la propria pettorina in Sala Arcipelago”.

Tanti gli sponsor che hanno deciso di dare un contributo alla corsa: Carisbo. Marchesini Group e Fondermat. “Una partecipazione fondamentale – secondo Rosina Alessandroni, responsabile della struttura semplice di neonatologia dell'ospedale Sant'Orsola -, un aiuto concreto che ogni anno aiuta a migliorare la vita dei bimbi nati prematuri e delle loro famiglie”.