Bologna, 14 settembre - Inaugura La Strada del Jazz a Bologna. L’evento che anima il quadrilatero cittadino di musica, concerti e balli. Come ogni anno una nuova stella del Jazz prende posto sui marciapiedi di via Orefici e proprio Andrea Mingardi (foto), cantautore e scrittore italiano, ha scoperto il telo rosso che copriva quella in onore di Gerry Mulligan (video) sassofonista, compositore e arrangiatore statunitense.

“Bologna è una grande capitale del Jazz. Sono contento di suonare stasera con lo sfondo delle due Torri, non lo avevo mai fatto. - commenta Andrea Mingardi mentre riceve il premio de La Strada del Jazz dal suo organizzatore Paolo Alberti-. Ho raccontato anche a Mina che lo avrei ricevuto, noi ci sentiamo spesso, ho questa fortuna. Lei condivide i miei gusti e ci fermiamo a parlare di notte di musica”.

false

Ricordando gli anni d’oro della musica bolognese e l’amicizia con Lucio Dalla aggiunge: “Lucio era un genio, faceva suonare ogni cosa e noi andavamo a vedere la Virtus insieme”. Applausi anche per Cicci Foresti che con il suo sigarino in bocca ricorda il rapporto stretto con Pupi Avati e con lo sviluppo bolognese del Jazz.

“Complimenti ad Andrea che si sta mettendo in gioco, il successo che ha è pienamente meritato - sottolinea l'assessore Matteo Lepore-. Veramente impressionante l'amore che i bolognesi nutrono per lui”.

La festa va avanti con la Notte Bianca Jazz e la sfilata della Street Dixieland Jazz Band; in Piazza Re Enzo si balla Lindy Hop con Mauro Porro e The Street Keeper. Altri bagliori sotto le due Torri con il Concerto Ensemble Strada del Jazz ‘Mulligan Stories’ con Marcello Molinari. Dalle 21 tocca ad Andrea Mingardi e…allora JAZZ con una band composta  Teo Ciavarella, Felice Del Gaudio, Andrea Ferrario e Sandro Comini, più la chanteuse Emanuela Cortesi e la corista Vanessa Vaccari.

Domani Mulligan sarà celebrato dalle 17 alle 19 in due centralissime locations. In Piazza Re Enzo con Stefano Ronchi & Marco Janovic e sotto le Torri in via Rizzoli con il quintetto diMarco Visconti Prasca (The Age of Gerry), nobiluomo milanese virtuoso del sax baritono che ha vissuto per un anno a casa di Gerry a Darien, Connecticut.