16 anni e 4 mesi di carcere per il "baby killer" di Chiara Gualzetti

Il sedicenne arrestato per l'omicidio di Chiara Gualzetti viene condannato a 16 anni e 4 mesi di carcere minorile. Sentenza confermata in appello.

16 anni e 4 mesi di carcere per il "baby killer" di Chiara Gualzetti

16 anni e 4 mesi di carcere per il "baby killer" di Chiara Gualzetti

1 La scomparsa

La mattina di domenica 27 giugno 2021 Chiara Gualzetti esce per due passi con un amico. Saluta la mamma: "A tra poco". Non tornerà più: il suo corpo, martoriato da coltellate e calci, verrà trovato il giorno dopo sulla collina ai piedi

dell’Abbazia di Monteveglio, dietro casa

2 L’arresto

Subito i sospetti dei carabinieri si concentrano sul ragazzo con cui Chiara era uscita, un sedicenne della zona. Questi, dopo un lungo interrogatorio crolla: "L’ho uccisa io – confessa –, ma l’ho fatto per placare un demone che mi parla e mi ordina di uccidere". Viene arrestato e portato nel carcere minorile del Pratello

3 I processi

Il 26 luglio 2022 il baby killer di Chiara Gualzetti viene condannato in primo grado dal tribunale per i minorenni a 16 anni e 4 mesi per omicidio pluriaggravato, il massimo previsto considerando il rito abbreviato (che prevede lo sconto di un terzo della pena) e l’attenuante della minore età dell’imputato. Sentenza confermata a marzo scorso, in appello