L’Hub di via Mattei che accoglie i rifugiati (FotoSchicchi)
L’Hub di via Mattei che accoglie i rifugiati (FotoSchicchi)

Bologna, 2 luglio 2018 - Con il crescere dell’emergenza profughi, è esploso anche il numero degli abbonamenti del bus gratuiti o agevolati che Tper mette a disposizione delle categorie più deboli, tra cui appunto anche i rifiugiati e i richiedenti asilo. Parlano i numeri: nel 2016 solo gli abbonamenti gratuiti sono stati 826 per un costo di circa 120mila euro, una cifra destinata a essere superata nel 2017, dato che solo nel periodo gennaio-settembre le tessere gratuite avevano già toccato quota 544 con una spesa già superiore ai 100mila euro.

I dati sono stati raccolti da Forza Italia che ora punta il dito contro quello che il deputato azzurro Galeazzo Bignami definisce "un ulteriore privilegio a carico dei contribuenti, una misura che va assolutamente cancellata e nel caso esistano esigenze di mobilità dei profughi, queste dovrebbe essere sostenute economicamente dalle cooperative che gestiscono l’accoglienza".

La misura esiste da qualche anno ed è contenuta nella delibera regionale ‘Mi muovo insieme’ del 2015, in cui si fissano agevolazioni e sgravi per le categorie più in difficoltà, come anziani, disabili, famiglie numerose e appunto rifugiati e richiedenti asilo. Per questi ultimi il diritto ad accedere a questi sconti è subordinato all’accesso ai servizi sociali ed è necessario essere residenti o domiciliati nel Comune di Bologna.

Negli ultimi anni i numeri per quanto riguarda soltanto i rifugiati e i richiedenti asilo, si sono inevitabilmente moltiplicati: nel 2013 gli abbonamenti gratuiti erano 118, nel 2015 sono saliti a 682, prima del boom di questi ultimi tempi. Anche le tessere agevolate seguono il medesimo trend: nel 2015 erano un’ottantina, nel 2016 già 110, nel 2017 (un dato ancora parziale) sfioravano quota 150.

"A fianco del costo determinato dall’accoglienza, all’impatto sociale che queste persone portano e ai tanti problemi che le strutture creano nelle zone residenziali in cui si trovano – ragiona Bignami –, c’è un ulteriore balzello determinato da queste spese parallele a carico delle amministrazioni".

Il rimborso, infatti, grava sugli enti pubblici, a partire dalla Regione: "Se esiste un diritto alla mobilità per i cosiddetti richiedenti asilo, a maggior ragione esiste per i tantissimi italiani in difficoltà, che non hanno i soldi per pagarsi un abbonamento o vengono multati se non lo vidimano ogni volta che salgono su un bus, come prevedono le ultime grottesche regole di Tper – continua il deputato azzurro –. Ancora una volta, siamo forti con i deboli e deboli con i forti, perché ritengo che questa misura sia stata introdotta proprio perché si era capito che l’emergenza profughi sarebbe esplosa e non del contrario".