Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
11 mag 2022

Accordo sindacale alla Galletti Il venerdì si lavora un’ora in meno

Aumentano il premio di risultato e la retribuzione straordinaria del sabato. Ora il voto in azienda

11 mag 2022
Marco Colli della Fiom Cgil
Marco Colli della Fiom Cgil
Marco Colli della Fiom Cgil
Marco Colli della Fiom Cgil
Marco Colli della Fiom Cgil
Marco Colli della Fiom Cgil

Aumento del premio di risultato, straordinari al sabato retribuiti al 50% e un’ora di lavoro in meno il venerdì. Sono alcune delle conquiste ottenute dai circa 200 lavoratori del gruppo Galletti, grazie al nuovo accordo sul contratto integrativo, firmato ieri dalla Fiom-Cgil con l’azienda. Il 19 maggio prossimo, l’ipotesi di accordo verrà sottoposta ai lavoratori che l’approveranno ufficialmente, dopo aver dato l’ok a una bozza del documento a stragrande maggioranza.

A concludere la trattativa con l’ultracentenario gruppo di Bentivoglio, leader nel settore della climatizzazione in Italia e nel mondo, è stato Marco Colli della segreteria Fiom di Bologna. "Siamo molto soddisfatti – spiega –, il nuovo accordo è migliorativo non solo dal punto di vista salariale ma anche della conciliazione tra tempi di lavoro, vita ed esigenze familiari. Questo grazie anche a un’azienda da sempre disponibile alla contrattazione sui diritti dei lavoratori". Sul fronte economico, il nuovo contratto prevede che il premio di risultato arrivi a 1.300 euro all’anno per tutti i lavoratori, compresi quelli non assunti a tempo indeterminato. "Un aspetto molto positivo è che l’azienda ha garantito un acconto di 300 euro", spiega Colli. La Fiom ha portato a casa anche una "gratifica pre-feriale", una sorta di quattordicesima di 150 euro all’anno per i dipendenti. Sul versante delle condizioni lavorative, arrivano diverse novità. "Una delle più importanti – spiega Colli – riguarda l’orario: i turnisti il venerdì lavoreranno sei ore anziché sette, i non turnisti sette anziché otto. In più, i turnisti che il venerdì lavorano dalle 12 alle 18 avranno un’indennità di un buono mensa da cinque euro".

"La Fiom – sottolinea Colli – cerca sempre di ottenere, oltre a risposte salariali, anche migliori condizioni di vita per i lavoratori, dunque la riduzione delle ore è un traguardo molto significativo". E non è finita: gli straordinari, nelle giornate di sabato, verranno pagati con una maggiorazione che passa dal 25 al 50% dello stipendio e ci saranno 50 euro in più di ’buoni welfare’ che si cumulano ai 200 euro già previsti. Sul fronte sindacale, la Fiom-Cgil ha strappato una conquista molto importante: qualsiasi variazione dell’orario dei lavoratori, quindi straordinari, turni o lavoro flessibile, saranno possibili solo previo accordo sindacale e non potranno essere imposti. In più, verranno introdotte due ore di assemblea ’welcome’ che i delegati sindacali avranno a disposizione per incontrare i nuovi assunti e illustrare loro il contratto collettivo e la contrattazione aziendale. "Il gruppo Galletti – conclude Colli - negli ultimi anni è cresciuto molto grazie anche agli accordi sindacali, passando da 160 dipendenti a poco più di 200".

Paola Benedetta Manca

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?