Quotidiano Nazionale logo
21 apr 2022

Bologna, allarme medici di base: il 40% vicino alla pensione

Secondo le previsioni dell’Ausl la carenza raggiungerà l’apice nel 2025. Attualmente sarebbero già 288 quelli che mancano tra città e provincia

monica raschi
Cronaca
Paolo Bordon, direttore generale dell’Azienda Usl di Bologna
Paolo Bordon, direttore generale dell’Azienda Usl di Bologna

Bologna, 21 aprile 2022 - Dal 2022 al 2025, quindi in un quadriennio, nel Bolognese, andrà in pensione il 40 per cento dei medici di medicina generale attualmente in servizio. Se, attualmente, secondo una serie di dati dell’Azienda Usl analizzati dai sindacati, mancano all’appello già 288 medici di base, considerando sia la città che la provincia, il peggio deve ancora arrivare. Sempre se non si riuscirà a correre in qualche modo ai ripari. Il dato sul pensionamento dei dottori è stato fornito dal direttore generale dell’Ausl, Paolo Bordon, nel corso dell’Udienza conoscitiva relativa alla cosiddetta Missione 6 del Pnrr che riguarda l’ambito sanitario, tenutasi ieri pomeriggio davanti alle Commissioni consiliari Prima e seconda. Il direttore Bordon ha poi sottolineato che, secondo i loro dati i medici di famiglia mancanti nell’ambito cittadino sarebbero attualmente 70. Il numero uno dell’Ausl non ha nascosto il problema, affermando che esistono zone più complesse e che il pensionamento di molto dottori di lunga esperienza, estremamente legati alla comunità, ha sicuramente comportato disagi in quanto non se n’è andato solo il medico in quanto tale ma, tante volte, un vero e proprio punto di riferimento della popolazione. Tra le aree con maggiori problemi di carenza ha citato alcuni comuni della provincia dove alla questione pensionamento si è aggiunta quella dei medici no vax. "C’è un comune che si è trovato all’improvviso senza quattro medici di famiglia perché due sono andati in pensione e altri due sono stati sospesi in quanto contrari alla vaccinazione – dichiara Bordon –. Si è verificato un gran vuoto, ma sui sanitari no vax siamo stati rigorosi e intransigenti. Non solo erano contrari alla vaccinazione ma cercavano di fare anche proselitismo e questo, per chi sceglie la professione medica, dal nostro punto di vista non è proprio accettabile". La speranza è riposta ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?