Allerta caldo eccessivo a Bologna, città da codice rosso: i giorni a rischio

Previste temperature massime di 38°. Già la notte appena passata ha fatto registrare l’aumento di un grado rispetto alla precedente: 27° alle 3. Ecco le informazioni utili e i consigli per proteggersi ed evitare rischi per la salute

Bologna, 10 luglio 2024 – Bologna da codice rosso per il caldo afoso per le giornate di giovedì 11 luglio e venerdì 12 luglio. Previste temperature massime che si attestano sui 38°. Già la notte passata ha fatto registrare l’aumento di un grado rispetto alla precedente: alle 3 il termometro segnava già 27° (la notte precedente erano 26°).

Approfondisci:

Caldo anomalo in Emilia Romagna, le notti bollenti non danno tregua: fino a quando

Caldo anomalo in Emilia Romagna, le notti bollenti non danno tregua: fino a quando

In Comune ha già attivato il numero verde 800 562110 (da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 17, sabato e prefestivi dalle 8.30 alle 13) rivolto a tutti i cittadini, e in particolare agli anziani in condizioni di fragilità, per ricevere informazioni e consigli per fronteggiare i periodi di caldo senza rischi per la salute. 

Approfondisci:

Le notti e i giorni più caldi in Emilia Romagna, le temperature nelle ultime previsioni meteo

Le notti e i giorni più caldi in Emilia Romagna, le temperature nelle ultime previsioni meteo
Caldo torrido, codice rosso a Bologna per l'11 e 12 luglio
Caldo torrido, codice rosso a Bologna per l'11 e 12 luglio

I consigli anti caldo dell’Ausl

In previsione delle ondate di calore si ricordano le precauzioni e le indicazioni in caso di difficoltà suggerite dall’Azienda Usl:

- bere molto e spesso anche quando non si ha sete, salvo diverso parere del medico, evitando bibite gassate o contenenti zuccheri e astenendosi, in generale, da bevande ghiacciate o fredde

- evitare alcol e caffeina

- fare bagni o docce con acqua tiepida per abbassare la temperatura corporea

- utilizzare climatizzatori regolando la temperatura dell’ambiente con una differenza di non più di 6/7 gradi rispetto alla temperatura esterna

- se si usano ventilatori per far circolare l’aria, non rivolgerli direttamente sul corpo

- evitare di uscire nelle ore più calde della giornata

- prestare attenzione a chi ha difficoltà ad orientarsi nel tempo e nello spazio, alle persone non autosufficienti, agli anziani che vivono da soli.

Prevenzione ondate di calore

È attivo il progetto di prevenzione degli effetti nocivi delle ondate di calore realizzato da Comune di Bologna in collaborazione con Azienda Usl, Arpae e Protezione Civile, Lepida, il Servizio Ages (Aldebaran Gestione Emergenza Sociale) e il coinvolgimento delle farmacie comunali Afm e Federfarma Bologna e delle associazioni di volontariato Auser, Croce Rossa Italiana, Pubblica Assistenza Croce Italia, Pubblica Assistenza Città di Bologna e Anteas G. Fanin.

Come ogni anno circa 5.000 cittadini over 75 in situazione di fragilità per problemi di tipo sanitario, individuati dall’Azienda Usl di Bologna, hanno ricevuto a inizio giugno dal Comune una lettera con le informazioni relative al progetto, il numero verde da contattare in caso di necessità e i consigli da mettere in atto per proteggersi dalle giornate caratterizzate da ondate di calore.

Dal 15 al 30 giugno, nelle prime due settimane dall’attivazione del Progetto, sono state 162 le persone che si sono rivolte al numero verde e oltre 1300 gli anziani fragili contattati dagli operatori del call center di Lepida per fornire informazioni e monitorare il loro stato di salute.