Quotidiano Nazionale logo
26 apr 2022

"Allerta ingorghi per il cantiere del ponte"

A giugno i lavori sul Savena a San Ruffillo. I consiglieri civici propongono di aprire a doppio senso la bretella del Trappolone

Da sinistra i consiglieri civici Pierluigi Rocca, Luca Vecchiettini e Giulia Tovoli
Da sinistra i consiglieri civici Pierluigi Rocca, Luca Vecchiettini e Giulia Tovoli
Da sinistra i consiglieri civici Pierluigi Rocca, Luca Vecchiettini e Giulia Tovoli

È fin troppo prevedibile che a giugno, con i lavori per riparare e mettere in sicurezza il ponte di San Ruffillo, a seguito dell’incidente in cui perse la vita Edera Russo, ci saranno notevoli disagi al traffico per chi viaggia tra Pianoro e Bologna. In previsione della chiusura del ponte, che dovrebbe durare una settimana e che avverrà alla fine dell’anno scolastico, l’opposizione di Pianoro inizia a formulare alcune proposte per evitare che la situazione sulle strade di Rastignano sia invivibile.

A parlare sono i tre consiglieri della neonata lista Pianoro Civica, Luca Vecchiettini e Giulia Tovoli (ex Lega) e Pierluigi Rocca (ex pentastellato): "La chiusura del ponte di San Ruffillo è prossima, come possiamo limitare i disagi per i nostri concittadini? Certo è che il ponte verrà chiuso a senso unico alternato per i lavori di ripristino del parapetto. I lavori dovrebbero durare circa una settimana, e in quel periodo ci saranno pesanti ripercussioni sul traffico di via Andrea Costa-via Nazionale Toscana". I tre consiglieri, allora, entrano nel merito del problema: "Per questo motivo e visto che a Rastignano ci sono già svariati problemi di viabilità, con un’interpellanza all’assessore ai Lavori Pubblici di Pianoro Giancarlo Benaglia, abbiamo chiesto quali soluzioni viabilistiche verranno adottate per limitare le code sia in direzione Pianoro che verso Bologna. Noi ci abbiamo riflettuto e vivendo a Pianoro conosciamo benissimo il territorio. Abbiamo, dunque, avanzato la proposta che ci sembrava più idonea e, soprattutto, più fattibile: in quella settimana sarebbe ideale aprire a doppio senso lo stradone del Trappolone, oggi percorribile solo a senso unico da via Buozzi al Dazio".

"Questa idea dell’apertura a doppio senso della bretella, è, per noi, un punto di partenza – specificano Vecchiettini, Tovoli e Rocca –: all’analisi del traffico, saranno, poi, i tecnici a valutare se aprirla solo a mezzi leggeri o anche pesanti. È proprio per motivi di traffico che fino ad oggi la bretella è percorribile solo verso Bologna nonostante ci sia una corsia, in senso opposto, perfettamente funzionate. Hanno sempre detto che viene lasciata così per non sovraccaricare troppo il traffico del Trappolone, tra San Lazzaro e Pianoro. Vediamo se sarà così e questa sarebbe l’occasione perfetta per fare l’esperimento".

A rispondere per l’amministrazione è direttamente il sindaco Franca Filippini: "Non possiamo aprire quel tratto della bretella perché riverseremmo tutto il traffico su via Buozzi e, quindi, sarebbe un problema lo stesso. Inoltre tengo a specificare che quel tratto è di competenza di San Lazzaro e Bologna. Sarò disponibile a trovare soluzioni insieme agli altri due Comuni per evitare che la situazione si congestioni in modo eccessivo. Sono felice, intanto, che i lavori siano slittati al periodo dopo la fine della scuola. Avevamo fatto questa richiesta ed è stata accolta e credo che questa già agevolerà il traffico. Valuteremo altre soluzioni temporanee ma, ripeto, di comune accordo con le altre due amministrazioni comunali coinvolte e con il mio assessore Benaglia".

Zoe Pederzini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?