Bimbi dormono sui banchi
Bimbi dormono sui banchi

Braccine conserte sul banco, testolina appoggiata sopra, seduti sulla seggiolina. E’ il pisolino a dir poco insolito per bambini di quattro anni , una ventina, della sezione a tempo pieno Azzurri della materna statale Alberto Manzi a Ca’ de’ Fabbri, che fa capo all’Istituto comprensivo di Minerbio. Mamme quanto meno indignate, pressate dai genitori le due maestre tamponano la situazione come meglio riescono, mentre la preside Claudia Gonzato si limita a dire: "Mi è arrivata la lettera di un solo genitore. Ho già la risposta pronta. La situazione non è in questi termini". Quindi tira in ballo il sindaco di Minerbio, Roberta Brunori.

AGGIORNAMENTO Scuola Bologna: pisolino sul banco, protesta in altre materne

"E’ al corrente di tutto", aggiunge la preside. "Ho incontrato per caso una mamma che mi ha informato della situazione. Lunedì andrò alla materna per approfondire meglio". E precisa: "L’organizzazione interna è di competenza dell’istituto comprensivo. Noi come ente locale dobbiamo solo fornire gli spazi". E alla materna Manzi, dormitorio, palestrina e angolo morbido sono ben presenti. Tanto che l’anno scorso, in piena pandemia, a materna aperta il pisolino comodo era garantito. Semmai, chiarisce il sindaco, "si creano problemi quando si applicano le norme anti Covid".

Che succede, dunque, nella materna? "La settimana prima dell’inizio – raccontano le mamme –, le maestre ci hanno informatico che il pisolino non ci sarebbe stato perché non si poteva". Spiegazioni un po’ fumose sul motivo e genitori quanto meno dubbiosi: "Comprendo che all’ultimo anno il riposino non sia previsto perché si abituano i bimbi all’elementare dove non c’è, ma qui siamo al secondo anno di materna. E’ prematuro". Al posto del modello classico con lettino e cuscino, la scuola propone il rilassamento: musica soffusa, luci abbassate. "Ma i bimbi crollano dal sonno. Qualcuno tra pre e post scuola entra alle 7,30 ed esce alle 18. Sono stanchi, nervosi, saltano la cena", rivelano le mamme furenti. Che si fa? Ecco la soluzione tampone: i bimbi stanchi, tra gli Azzurri pressoché tutti, vengono messi sulla seggiolina, braccia conserte appoggiate al banco e testolina appoggiata sopra. Chi non dorme: disegna o sta lì. "Passi tamponare la prima settimana, ma ora basta. Un anno così è inaffrontabile", insorgono i genitori.

"Le maestre ci dicono vedremo come fare, ci organizzeremo, ma niente è cambiato". Pragmatiche le mamme hanno proposto di portare tappetini yoga: "Almeno dormono sdraiati". Risposta: no, adducendo che non c’è spazio. "I bimbi hanno il loro armadietto dove tengono il cambio", replicano dure le mamme. "Perché – si chiedono i genitori -? L’anno scorso andavano in dormitorio con il cuscino e distanziati. Quest’anno gli iscritti sono uguali. Inoltre, nonostante siamo vaccinati, con il Green pass, sottostiamo a norme più restrittive". "Le maestre stanno facendo del loro meglio – concludono le mamme –. Quello che sta accadendo, però, è che qualcuno ha ritirato il figlio dalla materna. Altre che possono permetterselo, da un punto di vista economico, vanno a prendere il figlio all’una dopo mangiato e lo tengono a casa, ma le altre che non possono, subiscono"

f.g.s.