Quotidiano Nazionale logo
25 apr 2022

Biancastella Antonino: Resistenza, quelle donne dimenticate

Le storie da raccontare

featured image
Biancastella Antonino

Bologna, 25 aprile 2022 - Nadia, Edera, Balella, Mimma, Iole… e le altre, un monumento a Bologna le ricorda e tutti i cittadini dovrebbero provare l’emozione che suscita, così intensa da diventare commozione: è il Memoriale alle donne cadute nella Resistenza, un muro eretto nel parco di Villa Spada, un semplice muro di 50 metri dove sono collocati 128 mattoni che riportano incisi i nomi delle partigiane cadute a Bologna e nel suo territorio; gli studenti degli Istituti d’arte lo hanno decorato con formelle in bassorilievo ispirate alle loro storie e per ultima è stata collocata un’opera dedicata alla figura emblematica della Resistenza al femminile, la staffetta con la sua bicicletta. Ma chi erano queste donne coraggiose, queste ’ragazze’ del 25 aprile? I loro nomi non sono famosi, soprattutto perché gli studi nel dopoguerra hanno riguardato i partigiani uomini mentre un processo di disconoscimento dell’importanza delle azioni delle partigiane ha declassato di fatto il loro protagonismo. Bisognerà attendere gli anni ’70 perché la storiografia cominci a occuparsi del contributo delle donne alla Resistenza, non certo di retroguardia. Un decreto legge del ‘45 diede l’avvio al riconoscimento della ‘qualifica’ di partigiano/a, ma molte donne non fecero neppure domanda per ottenerla perché le prove richieste, di carattere soprattutto militare, erano così numerose da scoraggiarle. Alla fine quelle che ottennero il riconoscimento furono nel Bolognese 1.421, solo lo 0,39% delle residenti all’epoca. In sostanza neppure una donna su 100 avrebbe operato nel movimento di liberazione. Un’ipotesi difficile da sostenere specie se si pensa che a ogni partigiano, per operare in clandestinità, dovevano corrispondere almeno 12 persone addette ai vari servizi indispensabili: informazioni, produzione di documenti e stampa, trasporto di armi, medicinali e viveri, cura dei feriti, tutti incarichi ricoperti da donne che potevano muoversi più facilmente. Per quanto riguarda l’età, l’analisi dei dati ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?