Bilancio, no della minoranza: "Un salasso per le famiglie"

Sara Accorsi, capogruppo di ’Idee in Marcia’, contro la manovra economica. L’attacco: "Aumentano le tariffe sul sociale, per la scuola e lo sport" .

Bilancio, no della minoranza: "Un salasso per le famiglie"

Bilancio, no della minoranza: "Un salasso per le famiglie"

"Il bilancio di previsione 2024 varato dal Comune di San Giovanni in Persiceto non soddisfa le famiglie". A parlare è Sara Accorsi capogruppo della lista civica di minoranza ‘Idee in marcia per Persiceto e frazioni’. "Abbiamo letto sui giornali – dice Accorsi - di sindaco e assessore al Bilancio soddisfatti per il bilancio appena approvato. Meno soddisfatte le famiglie - già provate da caro vita e crisi economica - che dovranno far fronte agli aumenti delle tariffe su sociale (persone anziane, disabilità e fragili), scuola (anticipo, posticipo, mensa e trasporto) e sport. Un salasso che si poteva e si doveva evitare".

A parere dell’esponente civica l’attuale amministrazione dimentica di curare gli aspetti di coesione sociale. Mentre gli emendamenti presentati dalla lista civica in consiglio comunale – e bocciati - puntavano a interventi che incoraggiassero aggregazione sociale e identità territoriale. L’unico emendamento accolto è stato quello sul piano del traffico. Che tuttavia arriva troppo tardi quando sono già sorti i nuovi comparti e le nuove rotonde il cui impatto sul resto della viabilità non era stato correttamente valutato. "Avevamo presentato – continua la capogruppo - anche emendamenti concernenti l’intervento sulla ex Casa del Fascio; sulle comunità energetiche; sulla manutenzione della pista di atletica e di altri impianti; sulle risorse per incrementare il trasporto classi e per le uscite scolastiche; sulle risorse per l’incremento del prontobus; sulle frazioni e sulle risorse per progetti di formazione alla coabitazione. E abbiamo incassato tutti no a parte il piano del traffico".

Accorsi continua: "Sul traffico, dopo che l’amministrazione ha investito piu di cinque milioni di euro tra rotonde varie per fare defluire il traffico, la maggioranza ha ammesso alcune situazioni critiche: le code che spesso si verificano sulla circonvallazione di San Giovanni e nel centro di San Matteo della Decima".

A parere della lista civica, l’amministrazione ha portato poi in bilancio 500mila euro per un mutuo sul’’ampliamento del cimitero della frazione di Amola. E lo fa quando, non meno di tre anni fa, la stessa amministrazione aveva dichiarato che usciva da Virgilio (la società pubblico – privata che si occupa di manutenzione dei campi santi) perché non occorreva costruire del nuovo.

"Peraltro sul tema cimiteri aggiunge Accorsi -, l’assessore al Bilancio e il sindaco hanno dichiarato che ancora si naviga a vista. Cioè hanno voluto riportare tutti i servizi cimiteriali interni al Comune ma senza avere chiari i conti e di quanto ci stia costando questa gestione. Una sola certezza: anche le tariffe dei servizi cimiteriali sono aumentate".

Pier Luigi Trombetta