MARIATERESA MASTROMARINO
Cronaca

Bilancio partecipativo 2023 a Bologna, ecco i progetti vincitori: oltre 19mila votanti

Finanziamento da tre milioni di euro. Banca di Bologna dona un euro per ogni voto

Matteo Lepore, sindaco di Bologna (foto Schicchi)

Matteo Lepore, sindaco di Bologna (foto Schicchi)

Bologna, 30 giugno 2023 - La fase di votazione del Bilancio partecipativo 2023 si è chiusa oggi alle 12.30, e i risultati registrano un enorme interesse e una forte partecipazione dei cittadini e delle cittadine. In fase di chiusura, infatti, si contano 19.327 votanti, che rappresentano il numero più alto mai registrato nelle quattro edizioni precedenti. Su 43 progetti integrati proposti dagli abitanti, tutti legati a riqualificazione fisica di spazi pubblici con iniziative culturali, sportive e sociali, sono sei quelli risultati vincitori, in linea con Bologna Missione Clima. Per la realizzazione, è necessario un investimento da 3 milioni di euro, cioè 500mila euro per quartiere.

Ogni quartiere, quindi, sarà investito da un progetto integrato, che riqualificherà la zona, per rendere reali le richieste dei bolognesi, che “ci chiedono di lavorare nei quartieri e nella prossimità – spiega il sindaco Matteo Lepore-.  Vogliono una città più lenta che si faccia carico di rendere vivibile lo spazio dove le persone vivono. I bolognesi chiedono luoghi vivibili, impegnandosi in prima persona”. 

Oltre 19mila persone hanno dato il loro contributo, scegliendo questo strumento di democrazia diretta. “C’è fortissima sinergia e lavoro di comunità costante tra i proponenti – afferma Erika Capasso, delegata del sindaco ai quartieri e presidente di Fondazione Innovazione Urbana-. In molti casi, le proposte hanno creato delle comunità. Grazie al Bilancio partecipativo, nasce una nuova rete di relazioni, al centro delle quali c’è la cura del verde urbano, che vogliono dare spazio alle persone nello spazio pubblico della città”.

Solidarietà nella votazione

Ma non si tratta di una semplice votazione, perché, grazie al sostegno e alla collaborazione con Banca di Bologna, ogni voto ha donato un euro al fondo sociale di comunità della Città metropolitana. “Dai numeri si percepisce quanto le persone si sentano coinvolte – dice Francesca Caselli, responsabile marketing della banca-. Abbiamo partecipato con questo piccolo aiuto senza sapere il numero dei partecipanti. Banca di Bologna è quella del territorio, un punto di riferimento per i bolognesi. Aiutiamo chi sta affrontando un momento di difficoltà”.

Approfondisci:

Bilancio Partecipativo 2023: a Bologna tutti al voto per oltre 40 progetti

Bilancio Partecipativo 2023: a Bologna tutti al voto per oltre 40 progetti

Progetti vincitori 

  • Quartiere Borgo Panigale-Reno: SoStare al Ghisello (810 voti)

Dove: giardino del Ghisello, ex Bocciofila Baldini e campetto da basket di via Crocioni lungo la ciclabile del Ghisello

Il progetto propone di riqualificare l’ex Bocciofila Baldini, attraverso una pavimentazione drenante, nuove sedute, giochi, tavoli e attrezzature sportive, e il campo da basket di via Crocioni, per migliorare la connessione tra le diverse aree della zona e la fruizione da parte di tutte le persone, promuovendo nuove occasioni di incontro e di comunità.

  • Quartiere Navile: Com’in (1.682 voti)

Dove: giardino Donatori di Sangue e Casa di Quartiere Fondo Comini

Il progetto propone di riqualificare gli spazi della Casa di Quartiere Fondo Comini, sia a livello strutturale che energetico, e del parco, ampliando l’area giochi e migliorando accessibilità e attrezzature, per favorire l’integrazione tra culture e generazioni. L’obiettivo è permettere a tutti di vivere uno spazio multiculturale, pulito, sicuro, accessibile e verde.

  • Quartiere Porto-Saragozza: Il Porto Verde di Bologna (975 voti)

Azioni diffuse per valorizzare storia, natura e sport

Dove: giardino Graziella Fava, via Cairoli, Parco 11 settembre 2001, via Mura di Porta Lame, via Azzo Gardino, Casa di Quartiere Giorgio Costa, giardino Stefano Casagrande, giardino Lorusso, Casa di Quartiere Saffi, via dello Scalo

Il progetto propone di riqualificare i parchi e giardini della zona Marconi, in particolare quelli a ridosso delle mura storiche e interni alla Manifattura delle Arti, in connessione con altri spazi pubblici fuori delle mura, attraverso nuovi arredi e attrezzature, interventi per aumentare l’accessibilità e la sicurezza, attività culturali, educative, sportive.

  • Quartiere San Donato-San Vitale: Villaggio dei colori (485 voti)

Dove: Piazza dei colori

Il progetto propone di riqualificare la piazza attraverso interventi culturali, artistici e materiali. In particolare, si prevedono nuove attrezzature, arredi, servizi, segnaletica e potenziamento del verde, oltre ad attività culturali, educative, sportive e ambientali rivolte ai giovani, allo scopo di migliorare la vivibilità, la fruibilità, il senso di comunità e la sicurezza della piazza.

Quartiere Santo Stefano: Spazi per tutte le persone alla Lunetta (1.366 voti)

Dove: ex centro giovanile Moratello, sotto gli spalti del campo da calcio e bagni della Casa di quartiere nel Parco Lunetta Gamberini

Il progetto propone di riqualificare gli spazi dell’ex Centro giovanile Moratello per creare uno spazio confortevole di aggregazione per adolescenti e preadolescenti e di sostegno alla genitorialità in cui ragazze e ragazzi possano sentirsi protagonisti e crescere sviluppando le loro competenze e potenzialità, in un contesto stimolante e ricco di opportunità.

  • Quartiere Savena: Tra parchi, borghi e corti lungo il Savena (793 voti)

Dove: parco dei Cedri, parco Lungosavena, parco Paleotto e Arci Benassi

Il progetto propone di realizzare interventi di riqualificazione e valorizzazione delle aree verdi e dei punti di interesse dell'area, migliorando la ciclopedonalità, la connessione e l'accessibilità per tutte le persone. Si propone inoltre di riqualificare e implementare arredi e giochi e di promuovere attività culturali e di educazione ambientale e percorsi inclusivi.

Le informazioni in merito alla quarta fase, che è quella di co-progettazione, saranno disponibili sul sito del Comune: clicca qui