Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
16 apr 2022

Bio On, un mese e mezzo per chiudere il processo

Il giudice Sarli, per velocizzare i tempi, ha stabilito di calendarizzare le udienze. Dal 16 maggio si torna in aula ogni lunedì per le successive sei settimane

16 apr 2022
nicoletta tempera
Cronaca
Il fondatore ed ex presidente di Bio On Marco Astorri, imputato nel processo
Il fondatore ed ex presidente di Bio On Marco Astorri, imputato nel processo
Il fondatore ed ex presidente di Bio On Marco Astorri, imputato nel processo
Il fondatore ed ex presidente di Bio On Marco Astorri, imputato nel processo

Dal 16 maggio, ogni lunedì per sei settimane, l’aula bunker della Dozza ospiterà un’udienza del processo Bio on. Lo ha deciso, ieri mattina, il giudice Maria Cristina Sarli per concentrare i tempi di questo primo grado, già abbastanza dilatati. Nel processo sul crac di Bio On, l’ex start up ‘unicorno’ di Castel San Pietro Terme, fallita il 19 dicembre 2019 dopo le indagini innescate da un attacco del fondo Usa Quintessential, oltre al fondatore ed ex presidente della società Marco Astorri, difeso dall’avvocato Tommaso Guerini, ci sono altri nove imputati, accusati a vario titolo - fin qui - di manipolazione del mercato e false comunicazioni sociali. Si tratta del vice di Astorri Guido Cicognani e poi Gianfranco Capodaglio, presidente del collegio sindacale; il revisore Pricewaterhouse Gianni Bendandi, Vittorio Agostini, Pasquale Buonpensiere, Vittorio Folla, Gianni Lorenzoni, Giuseppe Magni e Alberto Rosa. Ieri mattina in udienza si sarebbero dovute affrontare alcune questioni preliminari, tra cui la richiesta del procuratore aggiunto Francesco Caleca e del pm Michele Martorelli di riqualificare l’accusa di falso in bilancio in bancarotta impropria e di contestare, in aggiunta, anche i reati di ricorso abusivo al credito e di bancarotta per distrazione. Tuttavia, i legali delle società di revisione PricewaterhouseCoopers e Ernst and Young, verso i quali nella scorsa udienza iI giudice aveva accolto la richiesta di citazione come responsabili civili, ieri mattina hanno sollevato un’eccezione in merito alla tardività delle notifiche. Eccezione accolta dal giudice, che ha aggiornato l’udienza al prossimo 16 maggio, stabilendo anche la calendarizzazione delle udienze successive, con cadenza settimanale, ogni lunedì per sei settimane. Una decisione tesa a velocizzare il processo, visti i tempi lunghi e la mole di imputati, parti lese e testimoni. Nel procedimento, sulle oltre mille richieste presentate di costituzione di parte civile, il giudice Sarli ha accolto tutte quelle degli azionisti – ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?