Blocco traffico Bologna, stop ai diesel euro 4 fino a lunedì 25 febbraio (archivio)
Blocco traffico Bologna, stop ai diesel euro 4 fino a lunedì 25 febbraio (archivio)

Bologna, 21 febbraio 2019 - Nonostante le misure antismog attivate anche questa settimana, non si attenua la cappa di inquinamento in provincia di Bologna:  scatta di nuovo il blocco del traffico e le limitazioni anti-smog valgono fino a lunedì 25 febbraio compreso. Stop ai diesel euro 4, riscaldamenti abbassati e limiti su combustione delle biomasse, i limiti di Pm10 secondo quanto accertato dai controlli di Arpae sono stati nuovamente sforati.

Le misure d'emergenza valgono nella fascia oraria 8.30-18.30: il blocco della circolazione sarà esteso a tutti i veicoli (auto e commerciali) diesel euro 4, oltre ai diesel euro 0-1-2-3 e ai benzina euro 0 e 1, già interessati dalle limitazioni previste dal lunedì al venerdì e nelle domeniche ecologiche. Sono esclusi dalle limitazioni tutti i veicoli elettrici, ibridi, a metano e Gpl, o con almeno 3 persone a bordo (car pooling) e i veicoli in deroga per 'trasporti specifici' o 'usi speciali', oltre a quelli con contrassegno ‘H’ e quelli diretti a nidi, materne e altri istituti scolastici. 

Le misure scatteranno sotto le Torri, a Imola e nei Comuni dell’agglomerato di Bologna (Argelato, Calderara di Reno, Casalecchio di Reno, Castel Maggiore Castenaso, Granarolo dell’Emilia, Ozzano dell’Emilia, Pianoro, San Lazzaro di Savena e Zola Predosa).  Il Comune di Castel Maggiore, che ha emesso un'ordinanza per esentare le case delle zone alluvionate dalle limitazioni al riscaldamento fino al 31 marzo.

LEGGI ANCHE I blocchi alle auto in Emilia Romagna

Tutti i divieti. Oltre alle limitazioni sulla circolazione dei veicoli, l’adozione delle misure emergenziali comporta: 1 - Il divieto di uso di biomasse per il riscaldamento domestico (in presenza di impianto alternativo) con classe di prestazione emissiva minore di 3 stelle o 4 stelle. 2 - L’abbassamento del riscaldamento fino a un max di 19 gradi nelle case e 17 gradi in attività produttive e artigianali (sono esclusi da tale obbligo gli ospedali, case di cura, scuole e luoghi che ospitano attività sportive). 3 - Il divieto di combustione all’aperto. 4 - Il divieto di sosta con motori accesi. 5 - Il divieto di spandimento di liquami zootecnici senza tecniche ecosostenibili.

Itinerari. Alcuni percorsi consentiti (qui l'elenco completo). 1 – Dagli svincoli 8 e 8 bis della tangenziale e dal casello ‘Fiera’ dell’autostrada ai parcheggi Michelino e piazza Costituzione lungo via Michelino, viale Europa, viale della Fiera, viale A. Moro, via Stalingrado e piazza Costituzione. 2 – Dall’uscita 7 della tangenziale ai parcheggi di Parco Nord e via Ferrarese; dall’uscita 6 della tangenziale (Corticella) percorrendo via di Corticella fino al parcheggio Ippodromo. 3 – Dallo svincolo 11 bis della tangenziale, per via Lenin, e dallo svincolo 11, fino ai parcheggi in via Larga (tra via Larga e via Scandellara) e tra via Larga e via del Terrapieno.

Per arrivare al Maggiore e al Bellaria. 1 - Dallo svincolo autostradale di Bologna-Casalecchio e dalla Nuova Bazzanese SP 569, percorrendo l’Asse Sud Ovest e via Prati di Caprara fino al parcheggio ‘Prati di Caprara’ e proseguendo per via dell’Ospedale fino a Largo Nigrisoli. 2 – Dallo svincolo 12 della tangenziale fino all’Ospedale policlinico Bellaria percorrendo la rotonda Italia, viale Vighi, rotonda Decorati Valor Militare, viale Cavina, rotonda Verenin e via Altura. 3 – Possono circolare i veicoli che trasportano persone sottoposte a terapie indispensabili e indifferibili per la cura di malattie gravi o per visite programmate; i veicoli per il trasporto di persone dimesse dagli ospedali (certificato per entrambi). 

La Città metropolitana ha attivato il servizio di Alert sms e email inviando agli oltre 4.000 iscritti l’avviso del blocco. Consultando l’app “Che Aria è” tutti i cittadini potranno avere un’informazione semplice e costante sullo stato della qualità dell’aria, ricevere suggerimenti e consigli sui comportamenti corretti che riducano l’impatto dell’inquinamento atmosferico e i rischi per la salute.