Bologna, 4 marzo 2021 - Bologna è entrata in zona rossa da oggi. Il sindaco Virginio Merola è intervenuto su Rainews 24 per spiegare che la misura "era inevitabile e necessaria perché la pressione sul sistema ospedaliero è troppo forte: stanno aumentando i contagi e quindi bisogna chiudere". Poi prosegue: "Invito ancora una volta tutti i cittadini a rispettare la distanza di sicurezza, l'obbligo della mascherina - ha osservato -: bisogna ridurre al massimo i contatti personali e quindi uscire per motivi di lavoro, di necessità, e di salute. Invito tutti a contenere gli spostamenti".

Il focus Bologna, primo giorno in zona rossa. Bordon: "State a casa, il virus colpisce i giovani"

Bologna rossa, stop nidi e materne da lunedì. Oggi negozi chiusi. Parrucchieri da sabato - Bologna e Modena, lockdown e caos scuole. "Tutta l'Emilia Romagna rischia di diventare rossa"

Chiusura dei parchi

Il sindaco di Bologna ha anche parlato dell'eventualità della chiusura dei parchi (tema che aveva suscitato diverse polemiche), per la questione legata agli assembramenti. Al momento, "c'è stato un miglioramento. Ho già avvisato tutti i cittadini di andare nei parchi vicino casa" ma "se non ci saranno comportamenti adeguati ne prenderò atto con un'ordinanza di chiusura". "Conto sulla collaborazione di tutti. Il momento è grave - ha aggiunto Merola -. Sono ottimista anche in relazione al fatto che si sta lavorando per accelerare il piano vaccini".

Ordinanza anti-movida

Infine, il primo cittadino firmerà un'ordinanza anti-movida. Questo per limitare le misure del nuovo Dpcm - che entrerà in vigore il 6 marzo e sarà valido fino al 6 aprile - in base al quale resta il divieto di asporto per i bar dopo le 18, ma sarà consentito fino alle 22 per enoteche o esercizi di commercio al dettaglio di bevande.

"È necessario correggere questo provvedimento - ha detto Merola -: firmerò una ordinanza che dice che dalle 18 in poi per le bevande alcoliche non è permesso l'asporto in tutta la città. È una misura necessaria per prevenire fenomeni di movida. È opportuno farla".

Sosta gratuita per il personale sanitario

Infine, "un'altra ordinanza che firmerò oggi è un sostegno al personale sanitario, in accordo con l'Asl, gli ospedali Maggiorè e Sant'Orsola', per permettere la sosta
gratuita e riservata al personale sanitario che molto spesso deve spostarsi in giornata da un luogo all'altro".