Quotidiano Nazionale logo
25 feb 2021

Borgonzoni è l’unica sottosegretaria in città

La senatrice leghista ottiene il bis ai Beni Culturali. Salvini festeggia: "Metà dei nomi sono donne, tante le Regioni rappresentate"

La senatrice leghista Lucia Borgonzoni, classe 1976, aveva già ricoperto l’incarico nel Conte I
La senatrice leghista Lucia Borgonzoni, classe 1976, aveva già ricoperto l’incarico nel Conte I
La senatrice leghista Lucia Borgonzoni, classe 1976, aveva già ricoperto l’incarico nel Conte I

L’unico sottosegretario made in Bologna è la senatrice leghista Lucia Borgonzoni. Niente da fare, invece, per il Pd che non riesce a portare a casa la casella che sembrava più papabile in città: la riconferma della prodiana Sandra Zampa alla Salute. E niente da fare nemmeno per Francesca Puglisi al Lavoro. Per il Carroccio, invece, è filato tutto come previsto: i rumors da giorni davano Lucia Borgonzoni in pole position per i Beni Culturali e così è andata. La fedelissima di Matteo Salvini – già candidata in città sia nel 2016 come sindaca, sia come presidente di Regione del centrodestra dove ha perso contro Stefano Bonaccini – aveva già ricoperto l’incarico nel Conte uno e puntava al bis. Bolognese, classe 1976, diplomata in Arti figurative all’Accademia delle Belle arti della nostra città, ha esposto sue opere d’arte in diverse mostre e ha lavorato come designer d’interni. Negli ultimi giorni, in verità, c’erano state voci anche su di lei come sottosegretaria all’Istruzione, ma poi è arrivata la conferma dei Beni culturali. Insomma, una vittoria su tutta la linea, nonostante le polemiche sullo scrittore Sandro Veronesi, vincitore del Premio Strega, che – prima della nomina della senatrice bolognese – aveva attaccato: "Non credo si sia mai sentito un esponente della Lega parlare di cultura come una delle leve fondamentali del nostro paese. Ma Borgonzoni è un rospo da ingoiare". Parole che hanno fatto discutere, ma non cambiano il risultato per il Carroccio: nove caselle conquistate su 39, nonostante i veti reciproci e il pressing dei partiti della larga maggioranza abbiano complicato fino all’ultimo la partita che, comunque, alla fine è stata chiusa in tarda serata, attraverso un Consiglio dei ministri non privo di tensioni. La riunione è stata caratterizzata da turbolenze sui nomi, da veti incrociati e da qualche richiesta disattesa. Tanto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?