Botte dal marito-padrone Mamma scappa di casa

Divieto di avvicinamento ai familiari per un artigiano marocchino di 37 anni. Le minacce: "Ti taglio la gola, io sono l’uomo e posso fare quello che voglio".

Botte dal marito-padrone  Mamma scappa di casa

Botte dal marito-padrone Mamma scappa di casa

"Io sono l’uomo e posso fare quello che voglio". E ancora: "Ti taglio la gola". Era in questi termini che aveva impostato il suo matrimonio un marito-padrone raggiunto da una misura cautelare per i maltrattamenti inflitti alla giovane moglie. I carabinieri della stazione di Alto Reno Terme hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura del divieto di avvicinamento a tutti i luoghi frequentati dalla persona offesa, nei confronti di un 37enne marocchino, artigiano, indagato per maltrattamenti contro familiari o conviventi. Maltrattamenti che nel caso specifico erano sia fisici che psicologici.

Il provvedimento, emesso dal Gip del Tribunale di Bologna e richiesto dalla Procura della Repubblica, nasce da un’indagine dei carabinieri sulla base della denuncia presentata da una 23enne italiana. La giovane ha chiesto aiuto ai militari, raccontando di essere stata costretta a fuggire da casa con la figlia per andare a vivere altrove e rappresentando una serie di vicende di cui il marito, 37enne, si era reso responsabile nei suoi confronti. In particolare, l’indole violenta dell’uomo sarebbe emersa nell’estate del 2021, durante la gravidanza e anche dopo il parto.

Il rapporto si sarebbe trasformato rapidamente in un incubo. Insulti, minacce, tirate di capelli, lancio di oggetti, schiaffi e pugni sono alcuni dei dettagli che la 23enne ha raccontato nella sua denuncia ai carabinieri, descrivendo il marito come una persona estremamente gelosa e senza scrupoli. "Io sono l’uomo e posso fare quello che voglio" e "Ti taglio la gola" sono due delle frasi con cui il marito avrebbe sistematicamente intimidito la donna. Rintracciato dai carabinieri, il 37enne è stato sottoposto alla misura cautelare firmata dal giudice per le indagini preliminari.