Pierluigi Ruggeri cade in cantina e muore per le esalazioni
Pierluigi Ruggeri cade in cantina e muore per le esalazioni
Una tragedia ha scosso ieri la comunità di San Giovanni in Persiceto. Una tragedia consumatasi nella notte, quando alle 2 circa è stato trovato il cadavere di Pierluigi Ruggeri, 59 anni e piccolo imprenditore della zona, titolare di un’azienda agricola a conduzione familiare. Una morte su cui non aleggia però alcun mistero, stando alle valutazioni dei carabinieri della compagnia di San Giovanni in...

Una tragedia ha scosso ieri la comunità di San Giovanni in Persiceto. Una tragedia consumatasi nella notte, quando alle 2 circa è stato trovato il cadavere di Pierluigi Ruggeri, 59 anni e piccolo imprenditore della zona, titolare di un’azienda agricola a conduzione familiare.

Una morte su cui non aleggia però alcun mistero, stando alle valutazioni dei carabinieri della compagnia di San Giovanni in Persiceto, intervenuti assieme ai soccorritori del 118 nell’abitazione del 59enne in via Castagnolo, nella frazione di Castagnolo di San Giovanni in Persiceto, dove Ruggeri è stato ritrovato.

Secondo le ricostruzioni dei militari dell’Arma, il 59enne è morto dopo avere sbattuto la testa cadendo. Una caduta che sembra essere stata provocata a seguito di uno svenimento, provocato da alcune esalazioni di sostanze tossiche, inalate dal 59enne mentre stava svolgendo operazioni di pulizia di alcuni contenitori cilindrici di plastica alti alcuni metri, che l’imprenditore teneva in cantina.

Un’attività abituale insomma per Pierluigi Ruggeri, che nella sua azienda produceva anche vino, e che non aveva destato sospetti nei familiari non vedendo il 59enne risalire dalla cantina per cena, essendo abituato secondo le ricostruzioni a lavorare fino a tardi. Il terribile sospetto, che qualcosa non andasse nella cantina in cui Pierluigi si trovava da troppo tempo, ha infatti portato al ritrovamento del corpo solo nel cuore della notte, quando proprio i familiari sono scesi nel seminterrato posto nella stessa abitazione, hanno visto Pierluigi riverso a terra e hanno chiamato immediatamente i soccorsi.

Soccorsi che si sono però appunto rivelati vani e che non hanno potuto fare altro se non constatare la morte dell’imprenditore 59enne.

Una morte per cui si procede ora in via amministrativa, tanto secondo gli inquirenti sono lampanti le cause del decesso di Pierluigi Ruggeri. Sul posto è comunque intervenuto anche il personale della medicina del lavoro, essendo la cantina in uso all’uomo per l’azienda agricola, assieme ai carabinieri.