Movida, ieri alle 20 la polizia ha sgomberato decine di persone in piazza San Francesco
Movida, ieri alle 20 la polizia ha sgomberato decine di persone in piazza San Francesco

Bologna, 16 maggio 2021 - La movida è tornata di gran carriera. Delirio sabato sera in piazza San Francesco (che pure dovrebbe essere transennata 24 ore su 24, su ordinanza del sindaco, fino al 7 giugno prossimo) e zona universitaria, in particolare piazza Scaravilli, dove fino all’una di notte qualche centinaio di studenti ha fatto baldoria con musica, bonghi e strepiti, con pure cori di scherno alla polizia quando questa è intervenuta con le volanti. In barba a distanziamenti, misure anti-Covid e coprifuoco. Secondo alcuni testimoni sarebbe pure volata qualche bottiglia alla volta delle forze dell’ordine, per fortuna non andata a segno. Non risultano però sanzioni o denunce.

delirio san francesco


"Siamo alle solite: non se ne viene a capo, nonostante le nostre continue segnalazioni a forze dell’ordine e amministrazione e le promesse da parte della politica – si amareggia Otello Ciavatti del comitato Piazza Verdi –. Questi giovani hanno un atteggiamento di ribellione e protesta fine a sé stesso, senza gli obiettivi politici che i movimenti studenteschi avevano un tempo. Speriamo che questi episodi siano legati alla ’riconquista’ della libertà post pandemia e che presto non si verifichino più, perché i residenti sono davvero esasperati". 
In piazza San Francesco è stato necessario l’intervento dei poliziotti per sgomberare l’area ben oltre l’orario del coprifuoco, poiché non contente dei bagordi portati avanti fino a poco prima (con musica a tutto volume dalle automobili parcheggiate, balli sfrenati e fiumi di birra, come raccontato ieri dal Carlino) alcune persone, circa una cinquantina, erano rimaste a fare festa. A terra, dietro di loro, hanno lasciato cocci di bottiglia di birra, cartacce e sporcizia varia. 

image
Anche ieri sera, attorno alle 20, la polizia è intervenuta con un paio di volanti per sgomberare la piazza, già affollata di gente: tutta però fuggita alla vista dei lampeggianti blu. 
Attimi di follia infine si sono registrati attorno a mezzanotte e mezza in via dei Bibiena, alle spalle di piazza Verdi. A quell’ora infatti alcuni residenti spaventati hanno telefonato al 113 dopo avere udito degli spari provenire dalla strada, secondo quanto ricostruito partiti dall’abitacolo di un’automobile che si è poi dileguata. 
Una volta sul posto gli agenti hanno in effetti rinvenuto per strada un paio di bossoletti di cartucce a salve, del tutto innocui. Nessuna traccia però di chi poteva averli sparati. A parte lo spavento dei testimoni, non ci sono state conseguenze. Stando a quanto ricostruito dalle forze dell’ordine, che hanno repertato il materiale trovato sul posto e ora faranno tutto il possibile per indagare e approfondire l’accaduto, si è trattato di un gesto di minaccia o un avvertimento, contestualizzabile nell’ambito di una lite tra spacciatori di sostanza stupefacente attivi nell’area universitaria.