Capodanno 2023 a Bologna, musica, spettacolo e il rogo del vecchione: la città saluta il nuovo anno

La tradizione torna in piazza Maggiore dopo i due anni del Covid e il ‘fantoccio’ dell’anno passato brucia di nuovo sul Crescentone

Bologna 1 gennaio 2023 – “E’ stato bello ritrovarsi qui”. Il pensiero attraversa la mente dei diecimila che ieri sera si sono trovati in piazza Maggiore per lasciarsi alle spalle il 2022

E’ stato il Capodanno delle tradizioni ritrovate quello di Bologna, fra gli spettacoli e il rogo del Vecchione, che mancava ormai da due anni a causa della pandemia.

Tantissime le persone che si sono date appuntamento su un Crescentone ‘blindato’: massimo diecimila presenti, accessi chiusi e ordinanze anti-vetro e anti-botti (eccetto per gli autorizzati).

La città ha salutato così il nuovo anno, tra le luci di palazzo Re Enzo e la facciata della basilica, mentre sul palco si alternavano gli artisti.

Poi è stato il momento tanto atteso: quello del rogo del Vecchione, un rito immancabile nella tradizione Bolognese: il ‘fantoccio’, ‘Vecchio come una torre’ ha bruciato come da copione, al saltare dei tappi delle bottiglie per l’arrivo della mezzanotte. E del 2023.