ZOE PEDERZINI
Cronaca

Furto a San Lazzaro: casa devastata in pieno giorno per pochi euro. Finestra sfondata con un tombino

Raid dei ladri in una villetta alle Mura San Carlo: "Ero appena uscita, quindi mi tenevano d’occhio"

La camera da letto messa a soqquadro dai ladri

La camera da letto messa a soqquadro dai ladri

San Lazzaro (Bologna), 27 maggio 2023 – Ladri in pieno giorno alla Mura San Carlo, nella zona residenziale di San Lazzaro. A raccontarlo è la residente che ha ricevuto, nella mattinata di giovedì, questa spiacevole visita: "Ero uscita di casa presto. Avevo delle commissioni da sbrigare. Il tempo di arrivare in centro e sono stata chiamata dalla mia vicina – racconta –. Non era passata neanche mezz’ora".

Approfondisci:

Furto in villa a Bologna, colpo da 1 milione di euro

Furto in villa a Bologna, colpo da 1 milione di euro

Erano le 8.30, al massimo le 9. Tutti i residenti della zona erano in casa quando hanno sentito prima un boato fortissimo, poi il rumore di vetri infranti. I ladri, infatti, avrebbero utilizzato un tombino di cemento per spaccare un’ampia vetrata dell’abitazione che dà sulla sala della villetta di Mura San Carlo.

Approfondisci:

Furto a San Lazzaro: casa devastata in pieno giorno per pochi euro. Finestra sfondata con un tombino

Furto a San Lazzaro: casa devastata in pieno giorno per pochi euro. Finestra sfondata con un tombino

A quel punto i criminali, che ad ora non si sa ancora quanti fossero, sono entrati nell’appartamento dopo aver infranto il cristallo. Hanno messo tutto a soqquadro, alla ricerca di soldi, gioielli e preziosi, fino a che una vicina non ha iniziato ad urlare mettendoli in fuga. "Hanno avuto poco tempo e mi hanno rubato un centinaio di euro in contanti. Ma hanno frugato ovunque e l’inventario delle cose che mancano, in tutto quel trambusto che hanno lasciato, lo devo ancora fare – prosegue la cittadina –. L’impressione che loro mi stessero tenendo sotto controllo a questo punto ce l’ho. Mi pare assurdo che siano entrati in casa di prima mattina poco dopo che ero uscita. Loro devono avermi visto". Qui, poi, c’è un dettaglio interessante che avrebbe riferito un vicino di casa: i criminali hanno suonato due volte il campanello prima di sfondare la vetrata. Forse volevano assicurarsi, visto l’orario, che in casa non ci fosse nessuno oltre alla residente che avevano appena visto uscire.

Verso le 10, sul posto sono arrivati anche i carabinieri della stazione di San Lazzaro, che hanno preso le dichiarazioni della residente e anche della vicina che ha messo in fuga i malviventi. Poco dopo sul posto sono arrivati anche i carabinieri della sezione scientifica che si sono occupati di fare tutti i rilievi che potrebbero permettere di raccogliere qualche informazione in più sulla banda di ladri. "Nella bella stagione, in questa zona, si sente a volte parlare di qualche casa visitata dai ladri – racconta qualche vicino preoccupato dall’accaduto –. Ma che entrino nelle case alle 9 di mattine sfondando una vetrata con un tombino preoccupa, perché significa che ormai non temono più nulla".