Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
30 giu 2021

Chiara Gualzetti, il padre disperato: "L'ha sgozzata, nessuno sconto di pena"

Vincenzo Gualzetti e l'orribile morte della figlia Chiara, 15 anni: "Non so se posso perdonare, davanti a me ho solo un baratro"

30 giu 2021

Bologna, 30 giugno 2021 - "Quando ho letto come è stata ammazzata mia figlia, a coltellate e calci, non sono riuscito a continuare a lavorare. Ho pensato che la mia bambina era lì da sola, io non ho potuto aiutarla”, è quello che ripete disperatamente Vincenzo Gualzetti, dopo aver saputo dagli inquirenti come è stata uccisa sua figlia Chiara, 15anni, trovata morta in un campo a Monteveglio. L'assassino, secondo l'accusa, è l'amico 16enne con cui Chiara era uscita domenica scorsa (una trappola architettata da lui per ucciderla) e su cui il giudice ha deciso per la convalida dell'arresto. Il ragazzo aveva anche confessato il delitto l'altra notte dopo essere stato messo sotto torchio dagli investigatori. 

Approfondisci:

Chiara Gualzetti fiaccolata, i genitori: "Vogliamo giustizia"

Chiara Gualzetti trovata morta, indagini per omicidio a Bologna. Foto
Chiara Gualzetti trovata morta, indagini per omicidio a Bologna. Foto

"Quando uno sente dire che la figlia è stata sgozzata come una mucca in un macello, non si può pensare a uno sconto di pena -  dice ancora in lacrime il padre di Chiara -. Non so se posso perdonare, ho davanti a me solo un baratro. Chiara aveva progetti per il futuro, faceva le scommesse con le amiche su chi si sposava prima. Siamo venuti via da Napoli per darle un futuro sereno. Mi ricordo tutto di lei: dal bagnetto, al tiro con l’arco. È bello vederli crescere”.

Chiara Gualzetti e il padre Vincenzo
Chiara Gualzetti e il padre Vincenzo

Sempre ieri il padre, comprensibilmente sconvolto, ha scambiato qualche parola coi tanti cronisti assiepati davanti all'abitazione. Vincenzo conosceva il ragazzo che ha ucciso sua figlia Chiara, poiché gli aveva insegnato il mestiere di elettricista, nel corso di uno stage. "È stato un mese sul furgone con me - aveva detto il padre -. Non ha mai visto demoni, né spiriti. Questo è un alibi che si sta creando". 

Poi un post sui social di Vincenzo e Giusi, la mamma: "Poche parole per esprimere tutta la nostra gratitudine alle forze dell'ordine, alla Protezione civile e a tutti quelli che hanno partecipato sia materialmente che moralmente. Grazie".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?