Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
18 giu 2022

"Ci sentiamo accerchiati, non lasciateci soli"

Commercianti e residenti dell’area: "Non si può lasciare incustodito neanche un vaso. Ma ultimamente ci sono più poliziotti"

18 giu 2022

La stazione accerchiata da degrado, vandalismo, delinquenza. Residenti e commercianti sono preoccupati e spaventati. E fanno quello che possono per rispondere all’invito del questore Isabella Fusiello, che ieri ha sollecitato iniziative ’dal basso’ per presidiare il territorio contro il degrado. "Io per esempio espongo i miei libri davanti al negozio, sotto al portico: così almeno quello spazio è sottratto ai malviventi – spiega il libraio Oltion Dervisci, in Galleria 2 agosto –. Siamo in una galleria che sembra d’arte, eppure è in mano agli spacciatori. Facciamo quello che possiamo per contrastarli, ma appena si allenta la presa si ricomincia da zero, la fatica è sprecata. Senza contare che chiunque arrivi a Bologna passa da qui: che biglietto da visita è?". Dalla vicina valigeria, Vincenza Limardi alza le spalle: "Lo spaccio è alla luce del sole. Cambiare? Magari, ma ormai non so se è possibile".

"Pusher e simili soggetti infastidiscono la clientela – attacca Vincenzo Paone, barista –. Ogni settimana contattiamo le forze dell’ordine, ma è inutile". C’è addirittura chi ha dovuto assumere dei buttafuori: "Di giorno la situazione è più tranquilla, ma la sera abbiamo rafforzato i controlli con figure apposite, che limitano danni ai locali e allontanano le persone sospette" spiega Alessandro Grassi, cameriere. Daniela Testa, proprietaria di un chiosco di piadine, conferma: "La nostra clientela è formata per lo più da ragazzi e famiglie, perciò i nostri orari non sono notturni. Per prevenzione non lasciamo nulla esposto all’esterno, nemmeno un vaso di fiori". Alle lamentele dei lavoratori si aggiungono quelle dei cittadini, come quelle di Paolo Borsellino: "Bologna è piena di gente, c’è per forza chi delinque. Bisognerebbe porre fine al fenomeno partendo dalle istituzioni". In merito alla vita notturna, Anna Finocchio precisa: "Non mi sento protetta, ho paura quando mi sposto da sola". C’è anche però chi vede il lato positivo, come Jimmy Alessandro Morinelli: "Essendo uomo mi sento più sicuro, ma c’è da dire che la presenza di poliziotti e Volanti è aumentata. Speriamo in un miglioramento".

Mariateresa Mastromarino

Federica Orlandi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?