Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

L'oste non gli dà da bere, conficca un coltello sul bancone

E' successo a Marzabotto, l'uomo era ubriaco

Ultimo aggiornamento il 10 settembre 2018 alle 15:42
Vino

Bologna, 10 settembre 2018 - L’oste si rifiuta di dargli da bere perché ubriaco. E lui, per tutta risposta,  estrae un coltello e lo conficca nel bancone. Ad arrestare il 29enne italiano, per tentata violenza privata, resistenza a un pubblico ufficiale e porto di armi od oggetti atti ad offendere sono stati gli uomini dell’Arma della stazione di Marzabotto.

E’ venerdì notte, quando la centrale operativa dei carabinieri di Vergato viene allertata perché, in un’osteria in via Porrettana Nord a Marzabotto, c’era un uomo armato di coltello. Accorrono subito i carabinieri di Marzabotto che ricostruiscono la dinamica dei fatti. Dopo essere entrato nell’osteria, il 29enne aveva conficcato un grosso coltello da cucina nel bancone del locale perché il gestore, vedendolo ubriaco, si era rifiutato di fornirgli un bicchiere di rum.

Preoccupato per l’incolumità degli altri avventori, il gestore telefonava subito al 112 e il cliente, accortosi della telefonata ai carabinieri, si riprendeva il coltello e usciva di corsa dal locale.
Scattate immediatamente le ricerche, gli uomini dell’Arma individuano, poco dopo nelle vicinanze, il giovane che, vedendo i carabinieri, ha opposto resistenza. Salvo poi essere identificato e arrestato. Il coltello non è stato ritrovato. In sede di giudizio direttissimo, l’arresto è stato convalidato e il ventinovenne è stato rimesso in libertà, in attesa dell’udienza posticipata per la richiesta dei 'termini a difesa'.


 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.