Bologna, 24 novembre 2020 – Scende ancora il numero dei contagi da Coronavirus in provincia di Bologna. Secondo quanto emerso dal bollettino Covid di oggi, 24 novembre, diffuso dalla Regione Emilia Romagna, i nuovi casi di Coronavirus nell’area metropolitana (escluso il circondario imolese) sono 273 (ieri 350, il giorno prima 562) di cui 148 sintomatici.

Tre le vittime: tutti uomini, di 92, 96, 97 anni.

Bologna terza provincia dell’Emilia-Romagna per numero di contagi dopo Modena e Reggio Emilia. Sui 273 casi, 148 hanno effettuato il tampone per presenza di sintomi, 11 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 1 attraverso i test per le categorie più a rischio, 1 attraverso i test pre-ricovero, mentre per 112 nuovi positivi l’indagine epidemiologica è ancora in corso.



Tra i 273 nuovi contagi, 250 sono sporadici e 23 sono inseriti in focolai familiari. 2 casi, infine, risultano da fuori regione. Nessun caso dall’estero.

Continua il calo delle terapie intensive, che scendono a quota 57 (-1). Dall’inizio dell’emergenza a oggi i casi di positività al Covid-19 nell’area metropolitana toccano quota 21.665.

A questi vanno aggiunti i 2.864 del circondario imolese, dove si registrano oggi altri 67 contagi (ieri 121, il giorno prima 107), di cui 16 sintomatici. I pazienti diagnosticati a Imola ma trasferiti in terapia intensiva a Bologna salgono a 5.



Il bollettino Covid di Imola e Circondario

Su 1.139 tamponi refertati, oggi sono 67 i nuovi casi positivi registrati dall'Ausl di Imola. Sono 51 asintomatici e 16 sintomatici: 2 persone erano già isolate, 42 casi sono stati individuati attraverso il tracciamento e 30 sono risultati collegati a focolai già noti. 56 le persone guarite. Sono 2.864 i casi di positività totali, 1496 gli attivi  

A seguito dell'avvio dello screening tramite tampone rapido di ieri pomeriggio sui reparti internistici no Covid del VI piano, sono purtroppo emerse altre 4 positività tra gli operatori. Il totale degli operatori positivi in area internistica no Covid è quindi di 13 persone, (oltre ai 44 già comunicati in precedenza su tutta l'Azienda e risultati positivi da settembre ad oggi).

A seguito di questi risultati, confermati dal tampone molecolare, lo screening è stato esteso nella notte scorsa su tutti degenti dell'Area internistica no Covid, evidenziando un focolaio di 23 pazienti positivi. 9 sono stati subito trasferiti nelle aree Covid del 3° e 4° piano, per un totale di 74 pazienti ricoverati. 14 pazienti positivi sono invece stati isolati al VI piano. Altri 13 sono stati isolati come contatti dei casi positivi accertati sempre al VI piano. 8 sono i pazienti in ECU. Sono in tutto 12 le persone residenti sul territorio centralizzate a Bologna, di cui 5  in reparto intensivo.

La situazione dei casi positivi sul territorio, divisi per Comune di residenza e con relativo tasso per mille abitanti aggiornata al 23 novembre è invece la seguente: Imola 833 - 11,9 (tasso X 1000 abitanti); Castel San Pietro 208  – 9,9; Medicina 129 – 7,7; Mordano 79 – 16,6; Castel Guelfo 47 – 10,3; Dozza 55 – 8,3; Casalfiumanese 46 – 13,4; Fontanelice 25 – 12,8; Borgo Tossignano 37 – 11,3; Castel del Rio 26 – 21,1; Totale Ausl Imola 1485 – 11,1.

Il totale delle persone positive al Covid messe in isolamento domiciliare e di quelle in quarantena perché hanno avuto contatti stretti con i positivi è di 2.726.

Per quanto riguarda la situazione nelle strutture residenziali aggiornata al 23 novembre, su 41 strutture pubbliche e private presenti nel nostro territorio, sono 18 quelle che hanno riscontrano casi positivi. Nelle Cra sono 43 gli ospiti positivi (con 4 decessi e 3 ricoveri) e 21 operatori. Nelle Case di riposo e Case Famiglia sono 53 (con 4 ricoveri); 10 operatori. Nelle altre Residenze/Comunità sono 45 gli ospiti positivi (Ca' del Vento: 11; Casa Appartamento La Soffitta: 1; CAS La Pascola: 33) ed 11 gli operatori.   

Covid 19, le altre notizie del 24 novembre

I contgi nelle Marche - Covid in Toscana: i numeri 

Covid e sci, il Cimone non si arrende

La Germania corre: primi vaccini Covid a dicembre. Italia in ritardo

Mondo, gli aggiornamenti sul Coronavirus