Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
7 feb 2022
7 feb 2022

Covid, ideato a Bologna sensore per misurare gli anticorpi

Il nuovo sistema tecnologico messo a punto dall'Alma Mater è rapido, efficace, affidabile ed economico: risultati in meno di 48 ore

7 feb 2022
featured image
Esami di laboratorio Covid: foto generica
featured image
Esami di laboratorio Covid: foto generica

Bologna, 7 febbraio 2022 - Come capire se nel nostro sangue ci sono gli anticorpi contro il Covid ? Semplice, basta un sensore . U n gruppo di ricerca guidato da studiosi dell’ Università di Bologna  ha messo a punto il nuovo sistema tecnologico – che ha il pregio di essere rapido, efficace, affidabile ed economico –   per misurare il livello di anticorpi neutralizzanti contro SARS-CoV-2 presenti nel sangue. Un sistema utile anche a testare l’efficacia di nuovi vaccini anti Covid. Presentato su  Communications Materials , rivista del gruppo Nature, il dispositivo è un "transistor elettrochimico organico"   (OECT – Organic Electrochemical Transistor), basato su un particolare polimero conduttivo (Pedot:Pss), che permette di   monitorare a distanza e in tempo reale l’integrità del tessuto cellulare   riuscendo così a capire se una coltura in vitro infetta dal Coronavirus è protetta o meno dagli anticorpi neutralizzanti presenti nel siero sanguigno.  

Omicron 2: siamo davvero vicini alla fine della pandemia?

Lo studio sul sensore che misura gli anticorpi del Covid

È la prima volta che un sensore di questo tipo viene utilizzato su SARS-CoV-2, e lo stesso strumento potrebbe in futuro essere adattato anche per altre tipologie di virus.

Spiega    Francesco Decataldo , ricercatore al Dipartimento di Fisica e Astronomia "Augusto Righi" dell’Università di Bologna e primo autore dello studio: "Oggi abbiamo una forte necessità di strumenti in grado di   valutare in modo rapido ed efficace la presenza di anticorpi neutralizzanti   nei pazienti infetti da SARS-CoV-2, perché si tratta di informazioni rilevanti nella pratica clinica". E aggiunge: "Inoltre, per pianificare i prossimi passi verso lo sviluppo di nuovi vaccini anti COVID-19 è fondamentale comprendere a fondo la relazione tra il livello misurabile di immunità e l’effettiva protezione clinica contro il coronavirus”.

FOCUS / Covid nuovi sintomi: con Omicron anche prurito e irritazione cutanea  - Green pass illimitato: chi può averlo e cosa cambia da oggi 7 febbraio

I test di siero neutralizzazione   sono oggi il metodo migliore per misurare   la presenza e il livello di anticorpi neutralizzanti presenti nel siero sanguigno. Uno degli strumenti più diffusi a questo scopo è il test di neutralizzazione a placche (PRNT), che richiede però tempi lunghi di risposta, costi significativi, la presenza di personale specializzato e l’utilizzo di materiali tossici.

Risultati in meno di 48 ore

Come alternativa a questo modello, gli studiosi dell’Alma Mater hanno quindi progettato e realizzato una nuova tecnologia –   un sistema integrato automatizzato chiamato TECH-OECT   (Tissue Engineering Cell Holder for Organic Electrochemical Transistors) – che attraverso misure elettriche permette di ottenere   un’accurata analisi quantitativa in tempo reale del siero neutralizzante . Il prototipo permette di analizzare in parallelo fino a sei culture cellulari, restituendo risultati affidabili in meno di 48 ore . Non solo: il dispositivo è riutilizzabile fino a tre volte , riducendo così la produzione di rifiuti, e non richiede l’utilizzo di sostanze tossiche, garantendo così la sicurezza degli operatori.

Un sensore a basso costo per screening su larga scala

"Si tratta di un dispositivo   non solo a basso costo , ma anche scalabile, che potrebbe permettere di realizzare rapidamente screening su larga scala dei livelli di anticorpi neutralizzanti presenti nella popolazione”, aggiunge   Beatrice Fraboni , professoressa all’Università di Bologna che ha coordinato lo studio assieme ad   Alessandra Scagliarini   e   Vittorio Sambri . Che aggiungono: “Questa tecnologia potrebbe essere facilmente adattata per analizzare la risposta degli anticorpi neutralizzanti   anche rispetto ad altre tipologie di virus ”.

Per l’ Università di Bologna   hanno partecipato Francesco Decataldo, Marta Tessarolo, Maria Calienni e Beatrice Fraboni del   Dipartimento di Fisica e Astronomia “Augusto Righi” , con Catia Giovannini, Carla Cacciotto, Vittorio Sambri e Alessandra Scagliarini del   Dipartimento di Medicina Specialistica, Diagnostica e Sperimentale .

 

Hanno partecipato inoltre studiosi dell’ Unità Operativa di Microbiologia del Laboratorio Unico dell’AUSL Romagna   (Vittorio Sambri, Laura Grumiro, Maria Michela Marino, Martina Brandolini, Giorgio Dirani, Francesca Taddei) e dell’ Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia-Romagna “Bruno Ubertini”   (Francesca Faccin, Davide Lelli, Antonio Lavazza).

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?