Bologna, 21 ottobre 2020 - Continua ad essere in Rianimazione all'ospedale Maggiore in prognosi riservata e in pericolo di vita il 22enne (non 32enne, come appreso in un primo momento) rimasto sotto le macerie del muro crollato in via del Borgo di San Pietro, ieri all'ora di pranzo. Ieri è stato sottoposto a un delicato intervento per il trauma cranico riportato.

Aggiornamento Il giovane è deceduto

image

Intanto sul fronte giudiziario, carabinieri e vigili del fuoco continuano a raccogliere elementi per capire con esattezza la natura dell'incidente (foto), ciò che ha portato il braccio della betoniera a cozzare contro il muro poi crollato sul terrazzo dove c'era il 22enne studente di Statistica e altri giovani, uno dei quali ferito (un 20enne che ha riportato la rottura della gamba). La Procura ha aperto un fascicolo per lesioni gravissime, sarebbe al momento senza indagati. A questo reato potrebbero aggiungersi eventuali violazioni legate alle normative di sicurezza.

Anche oggi continueranno ad essere sentiti testimoni e operai che stavano lavorando nel cantiere, ora sotto sequestro, interno al palazzo al civico 99.

Dopo i primi sopralluoghi di vigili del fuoco e carabinieri, agli accertamenti collaborano anche i funzionari dell'Ausl specializzati in prevenzione e sicurezza su lavoro. Sebbene non si tratti di un infortunio sul lavoro - spiegano gli investigatori - bisognerà infatti verificare il corretto rispetto di tutte le misure di sicurezza nel cantiere.

false