Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
15 giu 2022

Epatite C, 12 casi scoperti con lo screening

Il bilancio dell’Ausl, test gratuiti partiti da febbraio. Inviati 136mila sms, finora hanno aderito quasi undicimila persone

15 giu 2022
donatella barbetta
Cronaca
L’epatite C può essere scoperta. attraverso un prelievo di sangue
L’epatite C può essere scoperta. attraverso un prelievo di sangue
L’epatite C può essere scoperta. attraverso un prelievo di sangue
L’epatite C può essere scoperta. attraverso un prelievo di sangue

Bologna, 15 giugno 2022- L’epatite C, malattia infiammatoria del fegato, può essere scoperta con lo screening, attraverso un prelievo di sangue, e sono già 12 le persone risultate positive sotto le Due Torri al virus Hcv, acronimo dell’inglese Hepatitis C Virus. Il test è gratuito, l’invito alla prenotazione avviene dal 14 febbraio tramite il Fascicolo sanitario elettronico e l’invio di un sms. Lo screening è rivolto agli iscritti all’anagrafe sanitaria nati dal 1969 al 1989, inclusi gli stranieri temporaneamente presenti, e, indipendentemente dall’età e dalla nazionalità, a chi è seguito dai Servizi per le Dipendenze (SerD) e ai detenuti in carcere. Una platea di circa 270mila utenti, nel territorio dell’Ausl. "Fino a lunedì sono state effettuate 136mila chiamate, superando quindi il 50 % degli inviti da effettuare entro l’anno. Sono 10.786 le persone che hanno effettuato il test – precisa l’Azienda –, con un’adesione dell’8%. Di queste, 12 sono risultate positive e per loro è stato definito un percorso di presa in carico insieme al Sant’Orsola con una chiamata attiva e l’offerta di una visita in una delle unità operative specializzate". Nel monitoraggio effettuato dal 14 febbraio al 30 aprile sono stati i testati anche 312 utenti del Serd, tra loro 8 positivi, e 42 utenti del carcere, dove nessuno è risultato positivo. "I positivi vengono chiamati e si prenota una visita: partecipano 6 unità operative del Sant’orsola e una dell’Ausl, la Medicina di Bentivoglio. Dopo la visita si prescrive la terapia e i successivi controlli – sottolinea Francesca Mezzetti, responsabile del Programma di screening oncologici dell’Ausl –. Siamo soddisfatti per la velocità con cui un percorso cosi complesso è stato costruito. Vorremmo, però, aumentare l’adesione per cui chiediamo ai cittadini di questa fascia di età di aderire in occasione di un eventuale prelievo già prenotato o di prenotare l’esame ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?