Quotidiano Nazionale logo
12 dic 2021

Fondazione Carisbo Bologna, trent’anni per il territorio

Dal 1991 a oggi finanziati tredicimila progetti per 700 milioni di euro. Il presidente Cipolli: "Tante sfide affrontate con coraggio"

giorgia de cupertinis
Cronaca
featured image
Fondazione Carisbo compie 30 anni

di Giorgia De Cupertinis "Memoria e futuro. Due termini che, seppur sembrino in antitesi, sono complementari l’uno all’altro". Era il 1991 quando Fondazione Carisbo diede inizio al suo percorso, affermandosi come una gloriosa istituzione dedita a promuovere lo sviluppo sociale, culturale ed economico del territorio bolognese. Oggi come allora, i principi di solidarietà ed eguaglianza rimangono gli elementi guida di una realtà che celebra quest’anno i trent’anni. Ieri mattina, nel Salone del Podestà a Palazzo Re Enzo, la cerimonia del trentennale ha permesso di ripercorrere la storia della Fondazione, attraverso le testimonianze dei presidenti susseguitisi negli anni. "La celebrazione di un trentennale è un momento di grande valore, che nasconde molteplici significati: essere qui vuol dire aver affrontato tante sfide senza scoraggiarsi – ha detto il presidente della Fondazione Carisbo, Carlo Cipolli –. La natura privata consente una maggior rapidità di decisione e quindi un’efficienza dei processi esecutivi, capace di consentire alla fondazione l’implemento dei progetti in tempi più brevi. Inoltre, il radicamento territoriale ci ha permesso di sviluppare una straordinaria capacità di ascolto delle esigenze della comunità: è tramite azioni solidali e coordinate che vogliamo ridurre le disuguaglianze". Dalle radici fino ad oggi, un excursus storico è stato capace di rievocare tutte le attività che la Fondazione ha gestito negli ultimi trent’anni, concretizzatesi in più di 13mila progetti finanziati, per un impegno da 700 milioni di euro. "Fin dagli albori, l’impegno della fondazione fu quello di individuare settori di intervento, tra cui l’architettura, la formazione, gli interventi sociali – ricorda Filippo Sassoli de Bianchi, presidente dal 1993 al 2001 –. L’impegno dimostrato per la città è sempre stato continuativo". A celebrare il trentennale, anche Fabio Roversi-Monaco, presidente dal 2001 al 2013. "Ricordo con passione ogni anno del mio percorso con la Fondazione e con Genus Bononiae: realtà legate, che presentano ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?