Fondi alla Renana, interrogazione di FI

Fondi alla Renana,  interrogazione di FI
Fondi alla Renana, interrogazione di FI

La rete dei canali gestiti dalla Bonifica Renana non è riuscita a gestire la piena alluvionale delle scorse settimane a causa dell’enorme massa d’acqua riversata su tali canali dai fiumi a gestione regionale. Parte da questa constatazione, Valentina Castaldini (foto), capogruppo in Regione per Forza Italia, nell’interrogazione all’Assemblea legislativa che sarà presentata la prossima settimana.

"Considerato che dalla Bonifica Renana dichiarano che la rete dei loro canali avrebbe retto se non si fosse riversata su di essa la massa di acqua derivante dai fiumi regionali che hanno esondato e rotto gli argini – sottolinea Castaldini –, vorremmo sapere se la Regione, che non ha mai smentito tale affermazione abbia, in passato, rifiutato finanziamenti alla Renana per scarsa manutenzione dei canali che ha in gestione o se gli ha mai contestato carenza di pulizia o manutenzione". Se tutto questo non è mai avvenuto, prosegue nella riflessione Castaldini, "vorremmo sapere se la Regione intende procedere al finanziamento dei lavori di ripristino dei canali danneggiati dall’alluvione, riconoscendo che eventi esterni, tra cui lo stato di pulizia dei fiumi, hanno portato a danneggiamenti del reticolo di canali artificiali gestiti dalla Bonifica".

Confabitare, invece, per voce di Alberto Zanni, presidente nazionale, fa notare come sia "ormai evidente che i consorzi di bonifica non stiano svolgendo un lavoro adeguato. Riteniamo opportuno tutelare i proprietari immobiliari attraverso l’eliminazione di imposte, tasse e contributi che comportano solo spese senza apportare alcun beneficio tangibile alla comunità".

Monica Raschi