Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
23 mag 2022

Bologna, la sfida di Gian Matteo: dal coma alla coppa del mondo

Ramini, 25 anni, nel 2015 rimase vittima di un gravissimo incidente in vacanza. Oggi è un campione di paraclimbing e gareggerà nello Utah

23 mag 2022
nicoletta tempera
Cronaca
Gian Matteo Ramini, 25 anni, è volato negli Stati Uniti per la coppa del mondo di Paraclimbing
Gian Matteo Ramini, 25 anni, è volato negli Stati Uniti per la coppa del mondo di Paraclimbing
Gian Matteo Ramini, 25 anni, è volato negli Stati Uniti per la coppa del mondo di Paraclimbing
Gian Matteo Ramini, 25 anni, è volato negli Stati Uniti per la coppa del mondo di Paraclimbing

Bologna, 23 maggio 2022 - Non si ferma Gian Matteo. Continua a scalare la sua montagna. E con la sua tenacia, Ramini domani sarà a Salt Lake City, nello Utah, convocato per la Coppa del Mondo di paraclimbing. Il venticinquenne oggi è un campione di arrampicata, con alle spalle un settimo posto ai mondiali di Innsbruck e l’obiettivo di arrivare sempre più in alto. Il paraclimbing è uno sport a cui Giamma, già giovanissima promessa del wushu kung fu, si è avvicinato nel 2017: due anni prima, a luglio, era caduto sugli scogli, battendo la testa, mentre si trovava in vacanza a Lisbona, ed era rimasto in coma. Dopo il risveglio e la riabilitazione, la scelta di praticare il parlaclimb, l’arrampicata sportiva per paratleti, che è diventata la sua nuova passione, con risultati importanti conseguti con la polisportiva Pgs Welcome. Ora, quest’avventura negli Stati Uniti, dove disputerà la prima tappa del circuito di coppa del mondo 2022. "Sono carico, non vedo l’ora di cogliere questa splendida opportunità per confrontarmi con gli atleti più forti del globo nella mia disciplina e nella mia categoria. Milito in Rp1, che racchiude chi ha gravi impedimenti a livello fisico per quanto riguarda il range e la forza dei movimenti", racconta Gian Matteo, appena arrivato, ieri notte, negli Usa. "Essere stato selezionato per gli States – dice ancora l’atleta – è un buon risultato e mi rende orgoglioso. Come ogni arrampicatore che si appresta a ‘liberare’ una via, io punto al podio mondiale. C’è da lavorarci, ma intanto sono molto felice, pronto per questa prova". Una prova a cui Giamma si è preparato non tralasciando studi e passioni: "Mi sono laureato da poco in scienze motorie, alla triennale, e adesso mi appresto a continuare il mio percorso di studi, con la specialistica, nello stesso campo. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?