Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
27 feb 2022
luca orsi
Cronaca
27 feb 2022

Guerra Ucraina, Alexander e Tamara tornano a Kiev: "È la nostra terra, dobbiamo stare là"

Lacrime alla partenza del pulmino. Anna, la nuora, vive sotto le Due Torri: "Chissà se ci rivedremo". La macchina degli aiuti raccoglie tonnellate di alimenti, medicine e vestiti per la popolazione assediata

27 feb 2022
luca orsi
Cronaca
Il magazzino del corriere Belinterpost, a Castenaso, pieno di aiuti per l’Ucraina. Sotto, Wioletta, polacca, con una delle figlie
Il magazzino del corriere Belinterpost, a Castenaso, pieno di aiuti per l’Ucraina
Il magazzino del corriere Belinterpost, a Castenaso, pieno di aiuti per l’Ucraina. Sotto, Wioletta, polacca, con una delle figlie
Il magazzino del corriere Belinterpost, a Castenaso, pieno di aiuti per l’Ucraina

Bologna, 28 febbraio 2022 - Kiev è assediata dai russi. Gli ucraini si difendono strada per strada. Ma Alexander e Tamara salgono sul pulmino che, in una ventina di ore, da Bologna li riporterà in Ucraina. Poi cercheranno di raggiungere la capitale. "Quella è la nostra terra, là c’è la nostra casa". "Sono arrivati qui la settimana scorsa per il primo compleanno del loro nipotino", spiega Anna, la nuora, in lacrime. Poi, la guerra. "Non so come faranno a tornare a Kiev, i ponti sono saltati. Chissà se li rivedremo...".

Gli hotel della Romagna ospitano i profughi ucraini - La Rappresentante di Lista: "Concertone per l'Ucraina". Lepore 'candida' Bologna

Ucraina, Anonymous attacca sito di controllo del gas russo - Perde il figlio in guerra in Ucraina, badante sviene in piazza

Due pulmini con targa polacca mettono in moto. Sono carichi di aiuti: medicine, vestiti, alimenti a lunga conservazione. "In 16-18 ore siamo al confine ucraino", calcola uno degli autisti. Nataliya e Andrii scaricano dall’auto scatoloni di aiuti. "È come un sogno orribile, che nessuno poteva immaginarsi. Siamo preoccupati, là ci sono le nostre famiglie".

Leggi anche: Ucraina, Musk attiva Starlink e assicura l'internet satellitare - Guerra Ucraina e fake news: dal 'fantasma di Kiev' al finto ritiro - Swift, cos'è e perché escludere la Russia spaventa l'Occidente - Ad Ascoli da 15 anni, volontario in guerra: "Vado a difendere la mia Ucraina dai russi"

Alla sede della Belinterpost, corriere internazionale che fa la spola con alcuni Paesi dell’ex Unione sovietica, c’è la fila. Nel capannone di via Carlina 18/2, a Castenaso, si accumulano pacchi di cibo in scatola, vestiti, sacchi a pelo e medicinali. "Sabato abbiamo fatto un post su Facebook , e da allora è un continuo flusso di gente che vuole spedire aiuti", commenta Inesa, che coordina le operazioni
I telefonini di Belinterpost – che si appoggia alla Meest Express di Leopoli, organizzatore del ponte di aiuti – non smettono di squillare. "Oggi – spiega Inesa – un camion da 20 tonnellate passerà a caricare tutto e continuerà per l’Ucraina. Raccogliamo ancora, fino alle 15". Se sarà necessario "organizzeremo altre spedizioni".
 

Wioletta è di Lodz, Polonia. Anche lei è arrivata a Castenaso con la macchina carica di scatolame e beni di prima necessità. "Come comunità polacca di Bologna ci siamo organizzati per raccogliere aiuti, abbiamo un gruppo Whatsapp. Finora abbiamo portato cibo, prodotti per l’igiene, pannolini".
Anche Irina aspetta il proprio turno per scaricare le cose che ha portato. "Il cibo da questa parte, qui i vestiti", smista Inesa. "In Ucraina ho la mamma malata, mia figlia e due nipoti", racconta Irina. "Le scuole sono chiuse, sono tutti a casa". La preoccupazione è tanta. Soprattutto per il genero. "Il marito di mia figlia è nella zona di Vinnitsa – spiega Irina –. È andato al fronte come riservista".
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?