Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
21 mar 2022

I primi effetti di Omicron 2: aumentano i ricoveri in ospedale

I nuovi contagi resi noti ieri, nel Bolognese, sono stati 940 ma non si registrano vittime e le terapie intensive tengono

21 mar 2022
Gli aumenti dei contagi e relativi ricoveri sono sotto stretto monitoraggio
Gli aumenti dei contagi e relativi ricoveri sono sotto stretto monitoraggio
Gli aumenti dei contagi e relativi ricoveri sono sotto stretto monitoraggio
Gli aumenti dei contagi e relativi ricoveri sono sotto stretto monitoraggio
Gli aumenti dei contagi e relativi ricoveri sono sotto stretto monitoraggio
Gli aumenti dei contagi e relativi ricoveri sono sotto stretto monitoraggio

Aumentano i ricoveri per Covid negli ospedali cittadini e nelle cliniche private che hanno mantenuto letti da destinare alle persone colpite dal nuovo coronavirus: in soli due giorni i pazienti sono cresciuti di undici unità. L’aumento riguarda prevalentemente i posti che vengono definiti di ’degenza ordinaria Covid’, cioè quelli meno gravi. In leggero aumento anche l’occupazione dei posti riservati ai pazienti un po’ più gravi (degenza a bassa intensità) e le terapie intensive, ma qui i numeri sono ancora molto bassi rispetto a livello di allarme.

Il veloce aumento dei contagi, ieri tra Bologna e la sua provincia, i nuovi sono stati 940 sono quasi sicuramente da attribuire alla velocità con la quale si sta espandendo la sotto variante di Omicron, che i virologi hanno classificato come Omicron BA.2. Questo in considerazione del fatto che nel Bolognese ha già raggiunto il 60 per cento dei nuovi contagi, a livello nazionale è già al 50 per cento e c’è da attendere un suo ulteriore aumento. Come del resto è stato per Omicron BA.1 (la prima) che ha soppiantato Delta.

Una variante della variante, quindi, altamente contagiosa ma che, al momento, sembra non essere più pericolosa della prima a patto di avere completato il ciclo vaccinale, quindi non solo due iniezioni ma anche il booster. Cambiano anche i sintomi: mentre Omicron BA.1 colpiva le vie aeree quindi si presentava con un forte mal di gola e raffreddore, la sotto variante BA.2 si presenta con sintomi gastrointestinali (nausea, vomito e diarrea). Queste le indicazioni degli infettivologi che stanno tenendo sotto stretto monitoraggio l’andamento della variante.

Relativamente ai dati che ogni giorno vengono forniti da Azienda Usl e Regione, oltre alle 940 nuove infezioni, la buona notizia è che nel territorio bolognese non sono state registrate vittime da Covid.

Monica Raschi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?