Edoardo ‘El Dom’ Domenichini, morto a 19 anni in un incidente in moto
Edoardo ‘El Dom’ Domenichini, morto a 19 anni in un incidente in moto

Bologna, 1 giugno 2015 - La vita di Edoardo Domenichini, 19 anni appena compiuti, si è spenta all’alba di ieri sull’A14. Il ragazzo, genovese di origine, ma residente da anni in città, in zona Mazzini, stava tornando a casa assieme a un amico diciassettenne, dopo una serata passata a Marina di Ravenna. Erano circa le 7. I due ragazzi erano in sella a uno scooter Honda 250 quando, all’altezza della diramazione per Ravenna, si sono schiantati contro il guard-rail. Per Edoardo non c’è stato niente da fare. Le gravissime lesioni riportate nell’impatto non gli hanno lasciato scampo. L’altro ragazzo, invece, è stato soccorso e trasportato in codice di media gravità all’ospedale di Imola. L’incidente è stato rilevato dalla polstrada di Ravenna.

Lo sport, la musica, gli amici. La vita di Edoardo ‘El Dom’ Domenichini era così. La vita di un ragazzo di 19 anni, con le gioie e i piccoli drammi di un’età dove ancora è tutto da fare e da inventare. Aveva una ragazzina, Edoardo. Ne era innamorato. Aveva la passione per lo snowboard e la dance e domenica all’alba tornava da una notte passata a Marina di Ravenna, dove con gli amici avevano organizzato una trasferta per l’apertura del Touché.

Avevano tirato tardi, tutti insieme, fino a mattina. Su Facebook c’è una foto dove tutti i suoi amici salutano l’alba. Edoardo però non c’è. Era andato via prima. Forse mentre gli altri ragazzi scattavano quella foto, la sua vita si era già spezzata. In un tratto di A14, mentre tornava a casa, a bordo di uno scooter assieme a un altro amico, di 17 anni. Un colpo di sonno, forse una distrazione. Solo l’autopsia, disposta dal pm Laura Sola, potrà dire con chiarezza come siano andate le cose.

Ex rappresentante di istituto delle Aldini Valeriani, il ragazzo, originario di Genova, aveva festeggiato 19 anni lo scorso 9 maggio, assieme agli stessi amici con cui l’altra sera ha passato la sua ultima notte. E che ieri non riuscivano neanche a credere che il ragazzo morto in autostrada fosse il loro amico.

La pagina Facebook del diciannovenne, in serata, si è riempita di messaggi struggenti. «Non ci posso credere... Edo già mi manchi, grazie perché per me ci sei sempre stato... Grazie di tutto. Ti voglio un gran bene e te ne vorrò sempre!», gli scrive un’amica. Dicono che Edoardo rimarrà sempre nei loro cuori. E guardando il suo sorriso che esplode da ogni foto, non è difficile crederlo.