Sul luogo dell’incidente insieme. ai soccorsi è intevenuta anche la polizia locale
Sul luogo dell’incidente insieme. ai soccorsi è intevenuta anche la polizia locale
Una distrazione? Una precedenza non data? L’alta velocità? Sono tutte al vaglio della Polizia locale di Valsamoggia le ipotesi sulle cause del grave incidente che è avvenuto ieri mattina alle nove sul territorio di Crespellano-Valsamoggia, all’incrocio tra la vecchia strada provinciale Bazzanese e la via Lunga che da quella porta ad Anzola dell’Emilia. Ad avere la peggio è stata una ciclista, D. M. A. di 23 anni, nata e residente a Milano, che è stata portata all’ospedale Maggiore di...

Una distrazione? Una precedenza non data? L’alta velocità? Sono tutte al vaglio della Polizia locale di Valsamoggia le ipotesi sulle cause del grave incidente che è avvenuto ieri mattina alle nove sul territorio di Crespellano-Valsamoggia, all’incrocio tra la vecchia strada provinciale Bazzanese e la via Lunga che da quella porta ad Anzola dell’Emilia.

Ad avere la peggio è stata una ciclista, D. M. A. di 23 anni, nata e residente a Milano, che è stata portata all’ospedale Maggiore di Bologna in codice rosso. Ossia: per avere riportato ferite gravissime, anche se dai i primi accertamenti non era in pericolo di vita.

A prestare i primi soccorsi alla ciclista è stata un’autoambulanza del 118, alla quale si è aggiunta un’auto medica. Ingenti i danni subiti dalla bicicletta da corsa, in sella alla quale viaggiava la ragazza milanese. Sul luogo dell’incidente sono intervenuti gli agenti della Polizia locale di Valsamoggia che hanno fatto tutti i rilievi del caso.

L’incrocio dove è avvenuto l’incidente non è certo dei più pericolosi in quella zona che è praticamente sul confine del territorio di Valsamoggia e Zola Predosa. A bordo del suo velocipede da corsa la giovane milanese proveniva dalla frazione di Ponte Ronca a Zola. Una strada poco frequentata dagli automezzi in tutti mesi dell’anno. Soprattutto da quando, una ventina di anni fa, venne realizzato il primo tratto di Nuova Bazzanese dal centro di Zola alla Via Lunga.

Arrivata all’incrocio della via Lunga dalla strada provinciale nota come la Vecchia Bazzanese, si è immessa nella strada che porta alla Nuova Bazzanese. La Via Lunga, appunto. Questa all’incrocio si presenta in salita. Il tratto che porta alla Nuova Bazzanese immette gli automezzi sopra un primo cavalcavia della ferrovia Bologna-Vignola e poi su un secondo cavalcavia che, a forma di rotonda, consente di prendere tutte le direzioni sulla Nuova Bazzanese.

La ciclista all’incrocio si è scontrata con un’autovettura condotta da P. G. di 75 anni, residente a Crespellano-Valsamoggia. Dalla frazione di Pragatto di Crespellano l’automobilista con il suo automezzo era diretto verso la Nuova Bazzanese. L’impatto è stato violento. Per fortuna gli automezzi di soccorso sono intervenuti tempestivamente assieme a quelli della Polizia locale di Valsamoggia che hanno predisposto i primi interventi. Il traffico non ha subito particolari intoppi. Sia sulla vecchia strada provinciale Bazzanese che sulla Via Lunga e sulla Nuova Bazzanese.

Nicodemo Mele