Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
4 ago 2022
4 ago 2022

La Casa della Salute si allarga Gazebo addio, ecco la sala d’attesa

I primi rilievi già questa mattina. Il nuovo spazio verrà. progettato per accogliere. circa ottanta pazienti

4 ago 2022
Il gazebo che. finora era stato utilizzato come sala d’aspetto
Il gazebo che. finora era stato utilizzato come sala d’aspetto
Il gazebo che. finora era stato utilizzato come sala d’aspetto
Il gazebo che. finora era stato utilizzato come sala d’aspetto
Il gazebo che. finora era stato utilizzato come sala d’aspetto
Il gazebo che. finora era stato utilizzato come sala d’aspetto

La Casa della Salute di via Bertacchi a Sasso Marconi si ingrandisce. Verrà dato più spazio alla sala di attesa. E in vista dell’inizio dei lavori nelle giornate di oggi e di domani saranno effettuati i primi rilievi geognostici propedeutici all’ampliamento. Le indagini tecniche riguarderanno il piazzale antistante l’edificio della Casa della Salute e consentiranno ai tecnici di Ausl di raccogliere informazioni e dati utili per la stesura del progetto.

"È un intervento necessario – si legge in una nota del Comune di Sasso – per mettere a disposizione uno spazio adeguato alle esigenze di accoglienza di tutte le persone che ogni giorno alla Casa della Salute sono in attesa di accedere alla sala prelievi, al Cup e al punto informazioni. La nuova sala d’attesa potrà ospitare fino ad 80 persone.

Questo ampliamento consentirà di rimuovere contemporaneamente il gazebo che oggi si trova ancora sistemato nel piazzale e che assolve alla funzione di sala d’attesa. Uno spazio dove i pazienti aspettano il proprio turno per evitare situazioni di sovraffollamento della sala d’attesa".

Sull’ampliamento della sala di attesa interviene Luciano Russo, assessore alle Politiche sociali di Sasso. "Avute le autorizzazioni necessarie dalla Regione e dalla Conferenza socio-sanitaria metropolitana – afferma – si tratta di redigere il progetto e attendere l’inizio del nuovo anno quando, grazie alle risorse economiche ottenute dal nostro Comune attraverso il Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza), potranno iniziare i lavori".

Nicodemo Mele

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?